fbpx

Quirinale, Nencini su Belloni: “il capo dei servizi segreti non può diventare presidente della Repubblica”

Elisabetta Belloni Foto di Alessandro Di Meo / Ansa

Quirinale, Nencini su Belloni: “profilo esemplare, peccato che ricopra la funzione di capo dei servizi segreti, ruolo che tra l’altro dipende direttamente dal capo del governo”

E’ in corso la quarta votazione per l’elezione del Presidente della Repubblica dopo la terza fumata nera di ieri. In programma incontri tra i partiti e varie trattative per trovare il “nome giusto” per il Colle. Nella serata di ieri è spuntato il nome di Elisabetta Belloni, il quale è stato immediatamente stoppato dal senatore socialista Riccardo Nencini: “un profilo esemplare, peccato che ricopra la funzione di capo dei servizi segreti, ruolo che tra l’altro dipende direttamente dal capo del governo. Mi hanno chiesto se la ritenessi una buona candidata al Quirinale. Ho risposto che non viviamo in una democrazia dimezzata o in uno stato autoritario. Il capo dei servizi segreti, chiunque sia, non può assurgere a ruoli istituzionali per inadeguatezza della funzione e potenziale potere di condizionamento, tantomeno può concorrere ai vertici dello Stato. Un’Italia che percorresse strade sudamericane o emulasse la Russia di Putin tradirebbe la sua storia repubblicana è lo spirito della costituzione”.

Quirinale, elezione Presidente della Repubblica: la diretta del voto, partiti in riunione per cercare una soluzione. Salvini stoppa Casini [LIVE]