fbpx

Covid, l’avvocato Baldini: “da luglio ho seguito circa 50 casi di ragazzi che vogliono vaccinarsi contro il parere di un genitore”

Vaccino covid Foto di Stephanie Lecocq / Ansa

Covid, l’avvocato Baldini: “da luglio ho seguito circa 50 casi di ragazzi che vogliono vaccinarsi contro il parere di almeno un genitore. Al momento ci sono 5 sentenze che vanno tutte nella stessa direzione”

Una sentenza del giudice tutelare del tribunale di Firenze ha dato il via libera alla vaccinazione anti-Covid per un 13enne. La disputa era nata perché la madre del giovane è una No vax mentre il padre è favorevole alla vaccinazione. L’avvocato Gianni Baldini, legale del padre del ragazzo, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus.

“Da luglio –ha affermato Baldini-. da quando c’è stato il caso famoso di Matteo che ha avuto grande rilevanza mediatica, ho ricevuto almeno una cinquantina di richieste che poi si sono tradotte in azioni con lettere di diffida in almeno una trentina di casi e poi ci sono ancora da risolvere almeno una decina di casi e 5 sentenze delle 6 che sono uscite da luglio di giudici che hanno stabilito in tutti i casi che è nell’interesse del minore di vaccinarsi, così come nell’interesse collettivo. In tutti i casi che ho affrontato, i minori, o autonomamente o col supporto dei genitori, volevano vaccinarsi. Genitori no vax? Quando un genitore arriva a scontrarsi in tribunale vuol dire che ha delle motivazioni che non intende confutare con gli altri. Mi sono trovato di fronte a persone che hanno depositato fascicoli di pseudo affermazioni scientifica, come i vaccini sperimentali e altri mantra che si ripetono nella rete. In nessun caso c’è stata una disponibilità al confronto. Il tema di vaccinare i propri figli può sicuramente generare di conflitti in famiglia. Per i casi che ho seguito però la vaccinazione non è stata motivo di separazione, perché o erano già separati oppure erano entrambi contrari alla vaccinazione del figlio. Nelle ultime due settimane c’è stata sicuramente un’impennata delle richieste, da ultima anche quella di un preside di una scuola della bergamasca per segnalare la situazione di una ragazzina figlia di genitori no vax”.