fbpx

Siderno: bruciati due mezzi del Comune, la solidarietà del Movimento per la Rinascita del PCI

Il Movimento per la Rinascita del PCI: “Siderno sta vivendo un momento difficile. Una serie consecutiva di attentati hanno scosso la serenità del vivere quotidiano dei Sidernesi”

Proseguono gli attestati di solidarietà alla città di Siderno da parte delle istituzioni e delle forze politiche dopo l’ennesimo atto intimidatorio. “Siderno sta vivendo un momento difficile. Una serie consecutiva di attentati hanno scosso la serenità del vivere quotidiano dei Sidernesi. Ovviamente, attentati provocati da anonimi; ma le modalità usate sembrano un tipico segnale di matrice mafiosa. Automezzi dell’Amministrazione (2 dell’Ufficio Tecnico e 2 di un consigliere comunale) incendiati, un bossolo sul davanzale del Municipio. È un attacco vile alla Istituzione Cittadina e, pertanto, come abbiamo sempre fatto in ogni occasione, riteniamo di esprimere solidarietà alla Amministrazione tutta”. E’ quanto scrive in una nota il Movimento per la Rinascita del P.C.I. e l’Unità dei Comunisti, Coordinamento Regionale di Reggio Calabria. “Le Istituzioni sono il simbolo della Comunità; chi è eletto a Consigliere Comunale, il Sindaco sono i rappresentanti dei cittadini e, per questo motivo, va condannato ogni attentato al vivere civile come in questo caso, perché ogni offesa alle istituzioni ed ai loro rappresentati si traduce in una offesa alla cittadinanza tutta. Siderno è una ridente cittadina della fascia Jonica Reggina e non merita di essere condizionata attraverso, peraltro, le forme più abiette quali attentati e comportamenti violenti. Per questa ragione, ci riteniamo accanto ai cittadini onesti – la stragrande maggioranza – ed alle Istituzioni, certi che gli attentati subiti non li faranno arretrare di un millimetro nella difesa della legalità e della democrazia e non faranno scalfire minimamente l’azione amministrativa, sociale e culturale che intendono portare avanti. Certi, peraltro, che Magistratura e Forze dell’Ordine riusciranno presto ad individuare autori e moventi e che, i cittadini reagiscano indignati ai tentativi di soprusi e di violenza anonima con una azione corale ed unanime”, conclude la nota.