fbpx

Sicilia, il Frecciabianca porta una finta Alta velocità. Fleres: “il Ponte sullo Stretto è la chiave di rilancio”

Ponte sullo Stretto

“Chi governa trascura l’art. 3 della Costituzione, che dovrebbe assicurare pari trattamento per tutti i cittadini italiani. Ritengono che l’ammodernamento della rete ferroviaria in Sicilia non sarebbe conveniente”, è il pensiero dell’ex parlamentare siciliano Salvo Fleres

“Credo che la passerella svoltasi pochi giorni addietro a proposito dell’inaugurazione del treno “Frecciabianca”, che dovrebbe unire Catania e Palermo in tre ore e sette minuti, vale a dire ben due minuti meno di quanto accade già oggi con un treno regionale, ma con un biglietto che costerà un euro in più, dovrebbe far comprendere persino ai più scettici che la chiave di qualsiasi modello di sviluppo economico su cui costruire il rilancio della Sicilia e l’intero Mezzogiorno, arricchendo così l’intero Paese, non può che essere il Ponte sullo Stretto di Messina”. E’ come esordisce con un post su Facebook l’ex assessore regionale siciliano Salvo Fleres. L’ex senatore commenta l’inaugurazione del treno Frecciabianca in Sicilia, ma non è per nulla soddisfatto del risultato ottenuto. Anzi, ha definito “passerella” l’evento che si è tenuto pochi giorni fa a Catania, durante il quale ha partecipato anche il Sottosegretario Cancelleri. Già su queste pagine, anche l’Ingegnere Giacomo Guglielmo ha spiegato che senza un collegamento stabile tra Messina e Reggio Calabria i cittadini siciliani non potranno mai godere dell’Alta velocità ferroviaria.

“Il ponte non solo farà diventare la Sicilia una enorme piattaforma logistica – prosegue Fleres – , in grado di lavorare e smistare le merci provenienti da tutto il mondo, attraverso il Canale di Suez, e parliamo di oltre 50.000 navi all’anno, ma permetterà l’arrivo nell’Isola dei treni ad alta velocità, che imporranno il conseguente adeguamento dell’intera rete ferrata, quella che oggi rende impossibile l’aumento della velocità commerciale dei convogli in servizio. Il problema non risiede solo nelle motrici (quella che con il “Frecciabianca” ci hanno spacciato per nuova ha già tanti anni e proviene da una linea dismessa), ma anche nella capacità di tenuta dei binari. In proposito un caro e attento amico mi ha ricordato che quando crollò il viadotto Himera, sull’autostrada Catania-Palermo, e fu necessario potenziare i collegamenti ferroviari, la tratta Catania-Palermo, per percorrere la quale prima ci si impiegava circa cinque ore, fu riformata portandola a circa tre ore, il tutto in due o tre settimane. Una circostanza che contribuì a suscitare non pochi dubbi e persino qualche sospetto circa i rapporti tra gestori di linee su rotaia e gestori di linee su gomma”.

E poi c’è un altra questione che Fleres mette in evidenza, ­“almeno per i “geni” a cui oggi è affidato il governo del Paese. Loro, trascurando il contenuto dell’art. 3 della Costituzione, che dovrebbe assicurare pari trattamento per tutti i cittadini italiani, ritengono che l’ammodernamento della rete ferroviaria in Sicilia non sarebbe conveniente, perché gli utenti interni non sarebbero sufficienti a sopportarne i costi. È probabile che sul piano strettamente economico sia vero, ma se così fosse, perché noi siciliani non dovremmo permetterci di pensare di dover pagare le tasse in proporzione alla qualità dei servizi di cui possiamo usufruire? Insomma, pur sapendo di voler fare una provocazione, se per percorrere circa duecento chilometri nello stesso tempo in cui al nord se ne percorrono ottocento, perché non dovremmo pagare le tariffe ferroviarie o le tasse con lo stesso rapporto, risparmiando circa tre quarti delle somme che paghiamo normalmente?”.