fbpx

‘Ndrangheta: sequestro di beni a noto commercialista calabrese, arrestato e condannato nell’operazione “Aemilia”

Calabria: il sequestro interesserà tutti i rapporti finanziari direttamente o indirettamente riconducibili al medesimo, quote sociali e compendi aziendali, nonché 9 beni immobili tra fabbricati e terreni, per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro

La Direzione Investigativa Antimafia ha dato esecuzione a un decreto di sequestro emesso dal Tribunale di Bologna, su proposta a firma congiunta del Procuratore della Repubblica felsineo e del Direttore della DIA, quale esito delle capillari e complesse indagini patrimoniali eseguite nei confronti di un commercialista di origine crotonese ma residente in Emilia Romagna, tratto in arresto e condannato con sentenza passata in giudicato nell’ambito dell’operazione “Aemilia”. Nello specifico il proposto è risultato gravato da un giudizio di pericolosità sociale qualificata in quanto stabilmente a disposizione di un sodalizio di ‘ndrangheta operante in Emilia. La Direzione Investigativa Antimafia ha inoltre ricostruito, partendo dal 2007, a quanto ammontasse l’intero patrimonio del medesimo riscontrando una rilevante sproporzione tra beni individuati e i redditi dichiarati ed ipotizzando, quindi, l’illecito arricchimento del professionista. Il sequestro interesserà tutti i rapporti finanziari direttamente o indirettamente riconducibili al medesimo, quote sociali e compendi aziendali, nonché 9 beni immobili tra fabbricati e terreni, per un valore complessivo di oltre 1 milione di euro.