fbpx

Reggio Calabria: presentato il volume “La rivolta di un popolo”, libro fotografico di Silvio Mavilla [VIDEO]

Nella nuova conversazione da remoto, organizzata dal Circolo Culturale “L’Agorà” è stato presentato il volume fotografico “La rivolta di un popolo”, libro di Silvio Mavilla

Il prof. Silvio Mavilla, all’epoca dei fatti, era un giovane fotoreporter che collaborava con alcune agenzie di stampa. Il 16 luglio 1970, affacciato al balcone di casa sul corso Garibaldi, insieme con il padre Edmondo, corrispondente cineoperatore Rai, decise per amore di cronaca, di documentare l’eccezionalità di un episodio: la carcassa di un’auto data alle fiamme in via Fata Morgana. Da queste cifre il Circolo Culturale L’Agorà di Reggio Calabria ha organizzato un nuovo incontro nel corso del quale verrà presentato il volume “La rivolta di un popolo”, libro fotografico di Silvio Mavilla, che è stato vincitore del primo premio nella categoria Archivio storico del contest del Premio Libro Fotografico 2012 FIOF. Il gradito ospite del sodalizio culturale reggino ha analizzato, nel contesto di una conversazione quei frangenti storici. Nel corso della piacevole ed interessante conversazione sono emersi diverse cifre, quali quello allo storico studio presente sul territorio a far data dal 1916, del padre Edmondo operatore RAI, di come si organizzava la giornata lavorativa, prima di scendere per le strade di Reggio, che erano un vero scenario di guerra. Nel corso della conversazione sono stati ricordati dal gradito ospite del Circolo Culturale “L’Agorà”, anche quei momenti di tensione che sono stati immortalati nei tanti scatti fotografici del volume “La rivolta di un popolo”, ma anche gli aspetti prettamente tecnici relativi alle attrezzature che vennero usata in quei frangenti storici, per passare poi all’evoluzione del mondo della fotografia. Tenuto conto dei protocolli di sicurezza anti-contagio e dei risultati altalenanti della pandemia di COVID 19 e nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione sarà disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, a far data dal 19 novembre.