fbpx

Reggina, Taibi a StrettoWeb: “Rivas via già a gennaio? Se si può monetizzare…”. E su Di Chiara…

taibi e rivas

L’intervista di StrettoWeb al Direttore Sportivo della Reggina Massimo Taibi sul calciomercato, che riaprirà tra un mese e mezzo circa

Un mese e mezzo al calciomercato. C’è il campo, ci sono le partite, ci sono le vittorie, ci sono le sconfitte, ma – è inutile nasconderlo – il periodo delle trattative è quello che i tifosi seguono con più ansia, entusiasmo e trepidazione. Dai sogni sotto l’ombrellone a quelli sotto l’albero. In casa Reggina, quest’anno, la sessione invernale dovrebbe essere più “tranquilla” di quella scorsa, e questo è un bene. E’ la dimostrazione che la squadra sta attraversando un periodo positivo e non è necessaria la rivoluzione che fu quasi 12 mesi fa.

Ma il club non starà a guardare. L’obiettivo è rimanere nei piani alti per il giro di boa, affinché si possa puntellare l’organico dove serve. “Qualche esubero tra esterni offensivi o prime punte farà spazio all’over Faty? Credo che anche in difesa può liberarsi un posto – rivela il Direttore Sportivo amaranto Massimo Taibi ai microfoni di StrettoWeb – Aspettiamo dicembre e in base a chi ha giocato o inciso meno faremo spazio con uno o due giocatori. Con Faty dentro siamo in 30, ma io vorrei portare la rosa a 25. Mi aspetta un altro gennaio bello tosto, ma chi sta giocando meno è giusto che vada a farsi le ossa”.

Insomma, tranquilli ma non troppo. A sentire Taibi, pare possa essere più movimentato il mercato in uscita rispetto a quello in entrata. E il “pezzo pregiato” è Rivas, su cui non mancano le sirene. Le prime questa estate, poi anche a campionato iniziato. Ma c’è il rischio che possa andare via già a gennaio? “Il mercato per Rivas è aperto – confessa sinceramente Taibi – e se si può monetizzare anche a gennaio è giusto che io prenda in considerazione l’idea, ho il dovere di farlo. Poi può anche essere che si ceda a gennaio ma rimanga in prestito da noi fino a giugno, vediamo”.

E da qui la solita riflessione sul momento attuale, soprattutto alla luce delle dichiarazioni del presidente Gallo di qualche settimana fa (“sono terminati i periodi delle vacche grasse”): “due anni di Covid hanno gambizzato le aziende. Quella del presidente per fortuna è ancora in essere, ma pure lui ne ha risentito. Sicuramente investimenti come quelli di due anni fa sono da escludere, ma non è che l’anno scorso siano state fatte follie, per ingaggio eravamo la 14ª squadra in Serie B. Forse, a parte il Monza, i club sono quasi tutti in perdita. Il nostro obiettivo è quello di ottimizzare e questo si può fare con le plusvalenze, in due modi: facendo crescere i ragazzi del settore giovanile, ma al momento non c’è nessuno in prospettiva e mi auguro che si possa creare qualcosa in due-tre anni, o andando a scovare talenti all’estero, ma per scelta societaria al momento si è deciso di non spendere per i cartellini per ora. Quindi dobbiamo essere bravi negli anni, e non adesso, ma anche fortunati. Operazioni come quella di Rivas? Sono difficili, quella è stata quasi un unicum”.

C’è poi un calciatore, diventato un punto fermo, che a gennaio sicuramente non si muoverà, ma che a fine stagione potrebbe tornare nella società di appartenenza, il Perugia. E’ Gianluca Di Chiara, arrivato a Reggio Calabria con un prestito biennale. Presto per parlarne, ma necessario già cominciare a muoversi per capire cosa fare: “Di Chiara ha intenzione di continuare qui con noi – ha confermato Taibi ai nostri microfoni – ma a tempo debito parleremo col Perugia, io intanto l’ho già fatto col procuratore. E’ chiaro che se lo avessi a zero gli farei due-tre, anni di contratto, perché è un calciatore importante che qui si trova bene. Forse in questo caso non parlerei di plusvalenza visto che non parliamo di un giocatore anziano, ma neanche giovanissimo”.

Reggina, pochi gol subiti. E’ con le difese che si dà continuità? Taibi: “il Milan di Capello vinceva spesso 1-0”