fbpx

Processo “Terramara-Closed” contro la ‘Ndrangheta di Taurianova: 13 condanne e 15 assoluzioni, 4 ditte confiscate e altre 3 dissequestrate [NOMI e DETTAGLI]

tribunale

Taurianova, “Terramara-Closed”: la sentenze del Tribunale di Palmi del rito ordinario

Nella serata di ieri il Tribunale collegiale di Palmi, presieduto dal giudice Francesca Mirabelli e con a latere i giudici Federica Giovinazzo e Martina Tuscano, Pubblico Ministero dott.ssa Giulia Pantano, ha emesso la sentenza del rito ordinario del processo “Terramara-Closed” contro le cosche di ‘Ndrangheta attive a Taurianova. L’esito della sentenza ha portato a 13 condanne, 15 assoluzioni, 4 ditte confiscate e altre 3 dissequestrate. Tra le pene più severe, i 15 anni inflitti a Carmelo Sposato e i 14 anni a Domenico Rettura.

Le condanne:

  • Carmelo Sposato condannato a 15 anni di reclusione (il Pm aveva chiesto 18 anni)
  • Domenico Rettura 14 anni (il Pm aveva chiesto 18 anni)
  • Rocco Fedele 6 anni (il Pm aveva chiesto 16 anni)
  • Giacomo Monterosso 5 anni (il Pm aveva chiesto 16 anni)
  • Antonio Rettura 5 anni (il Pm aveva chiesto 16 anni con assoluzione del Capo 10)
  • Francesco Domenico Sposato 13 anni (Il Pm aveva chiesto 12 anni)
  • Sandro Scariato 12 anni (Il Pm aveva chiesto 13 anni)
  • Giuseppe Scarfò 4 anni (Il Pm aveva chiesto 15 anni e 2 mesi)
  • Giuseppe Condello 4 anni (chiesto dal Pm 15 anni e 2 mesi)
  • Enrico Caruso 4 anni (chiesto dal Pm 4 anni e 6 mesi)
  • Elena Hanganu 3 anni e 3 mesi (il Pm aveva chiesto 6 anni e 6 mesi)
  • Francesco Conforti 1 anno e sei mesi (sospensione della pena), (Il Pm aveva chiesto 4 anni previa esclusione finalità mafiosa).
  • Luigi Conforti 1 anno e sei mesi (Il Pm aveva chiesto 4 anni previa esclusione finalità mafiosa).

Libertà vigilata per tre anni nei confronti di Carmelo Sposato, Francesco Domenico Sposato, Domenico  Rettura e Sandro Scariato.

Il Tribunale dichiara di non doversi procedere per:

Giovanni Conte, Vincenza Sposato (il Pm aveva chiesto 4 anni), Veronica Sposato (il Pm aveva chiesto 4 anni), Martino Cutrì (5 anni la richiesta del Pm), “per intervenuta prescrizione”.

Assolti:

  • Francesco Ammendola (richiesta del Pm 12 anni), Pasquale Scariato (il Pm aveva chiesto 12 anni),
  • Domenico Scoleri (il Pm aveva chiesto 12 anni) e Rosario Scoleri (il Pm aveva chiesto 12 anni), del reato al Capo 1 per non aver commesso il fatto.
  • Giovanni Vincenzo Surace (il Pm aveva chiesto 6 anni e 6 mesi), al Capo 7 per aver commesso il fatto.
  • Domenico RetturaAntonio Rettura al Capo 10 perché il fatto non sussiste.
  • Domenico Rettura, Antonio Rettura e Rocco Fedele ai Capi 13 e 14 perché il fatto non sussiste.
  • Concetta Scarfò al Capo 14 perché il fatto non sussiste (il Pm aveva chiesto l’assoluzione).
  • Filippo Fazzalari (12 anni la richiesta del Pm), Giovanni Del Conte per non aver commesso il fatto per il reato al Capo 1 (4 anni la richiesta del Pm).
  • Giuseppe ScarfòGiuseppe Condello per il fatto al Capo 1 e al Capo 7.
  • Carmelo Tallarida (il Pm aveva chiesto 15 anni) e Pietro Tallarida (il Pm aveva chiesto 15 anni), per il Capo 1 e per non aver commesso il fatto nei Capi 8 e 9.
  • Fabio Condrò e Natale Vittorio Condrò al Capo 20 perché non costituisce reato (richiesta assoluzione dal Pm).
  • Giuseppe Sorrentino (il Pm aveva chiesto 4 anni previa esclusione finalità mafiosa),
  • Franco Stumpo (il Pm aveva chiesto l’assoluzione)
  • Francesco Sposato (il Pm aveva chiesto 6 anni e 6 mesi), ai Capi A e B per non aver commesso il fatto.

Beni Confiscati

  • Ditta “Conglomerati cementizi di Scarfò Giuseppe”
  • Ditta “Edil Costruzioni di Sposato Francesco e Domenico”
  • Ditta “Eurosposati Trasporti Srl”
  • Ditta Car.Spo Costruzioni edili e immobiliare Srl”

Dissequestrate le ditte e restituzione ai legittimi proprietari:

  • Società “Agripower”, “Agrienergia” e “Il Fiore dei sapori di Del Conte Giovanni & C Sas”
  • Per Pietro Tallarida e Carmelo Tallarida la rimessione immediata in libertà per la perdita di efficacia della misura cautelare “ove non detenuti in forza di altro titolo”
  • Francesco Ammendola difeso dagli avvocati Antonino Napoli e Guido Contestabile (assolto il P.M. aveva chiesto 12 anni)
  • Enrico Caruso difeso dall’avv. Glenda Prochilo (condanna a 4 anni il Pm aveva 4 anni e 6 mesi)
  • Giuseppe Condello difeso dall’avv. Antonio Romeo (condanna a 4 anni il Pm aveva chiesto 15 anni e 2 mesi)
  • Fabio Condrò difeso dall’avv. Alfredo Giovinazzo (assolto il P.M aveva chiesto l’assoluzione)
  • Natale Vittorio Condrò difeso dall’avv. Antonio Romeo (assolto il P.M. aveva chiesto l’assoluzione)
  • Luigi Conforti, difeso dagli avvocati Luigi Morone ed Armando Veneto (condanna 1 anno e sei mesi, Il Pm aveva chiesto 4 anni previa esclusione finalità mafiosa)
  • Francesco Conforti difesi dagli avvocati Luigi Morrone e Armando Veneto (condanna ad 1 anno e sei mesi (sospensione della pena), Il Pm aveva chiesto 4 anni previa esclusione finalità mafiosa).
  • Martino Cutrì difeso dall’avv. Antonio Romeo (non doversi procedere “per intervenuta prescrizione” 5 anni la richiesta del Pm),
  • Giovanni Del Conte difeso dall’avv. Guido Contestabile (non doversi procedere “per intervenuta prescrizione”)
  • Filippo Fazzalari difeso dall’avv. Antonino Napoli (assolto il P.M. aveva chiesto 12 anni),
  • Domenico Scoleri difeso dall’avv. Antonino Napoli (assolto il P.M. aveva chiesto 12 anni),
  • Rosario Scoleri difeso dall’avv. Antonino Napoli (assolto il P.M. aveva chiesto 12 anni),
  • Rocco Fedele difeso dagli avv.ti Alessandro Gamberini e Antonino Napoli (condannato 6 anni previa derubricazione, il Pm aveva chiesto 16 anni)
  • Elena Hanganu difesa dall’avv. Renata Zito (condannata a 3 anni e 3 mesi il Pm aveva chiesto 6 anni e 6 mesi)
  • Giacomo Monterosso difeso dagli avv.ti Davide Vigna e Guido Contestabile (condannato a 5 anni previa derubricazione, il Pm aveva chiesto 16 anni)
  • Antonio Rettura difeso dagli avv.ti Antonino Napoli e Alessandro Gamberini (condannato a 5 anni previa derubricazione, il Pm aveva chiesto 16 anni e l’assoluzione del capo 10)
  • Domenico Rettura difeso dagli avv.ti Antonino Napoli e Alessandro Gamberini (condannato a 14 anni previa derubricazione in concorso esterno, il Pm aveva chiesto 18 anni come partecipe)
  • Concetta Scarfò difesa dall’avv. Gerardina Riolo (assolta il P.M. aveva chiesto l’assoluzione)
  • Giuseppe Scarfò difeso dall’avv. Antonio Romeo (condanna a 4 anni, Il Pm aveva chiesto 15 anni e 2 mesi)
  • Pasquale Scariato difeso dall’avv. Antonio Romeo (assolto il Pm aveva chiesto 12 anni)
  • Sandro Scariato difeso dall’avv. Antonio Romeo (condanna a 12 anni, Il Pm aveva chiesto 13 anni)
  • Giuseppe Sorrentino difeso dall’avv. Matteo Brunetti (assolto, il Pm aveva chiesto 4 anni previa esclusione finalità mafiosa)
  • Carmelo Sposato difeso dagli avv.ti Antonio Romeo e Guido Contestabile (condanna 15 anni, il Pm aveva chiesto 18 anni)
  • Francesco Domenico Sposato difeso dagli avv.ti Antonio Romeo e Guido Contestabile (condannato 13 anni, Il Pm aveva chiesto 12 anni)
  • Giovanni Sposato difeso dall’avv. Guido Contestabile (non doversi procedere per incapacità)
  • Veronica Sposato difeso dall’avv. Antonio Romeo (non doversi procedere per intervenuta prescrizione il Pm aveva chiesto 4 anni)
  • Vincenza Sposato difesa dall’avv. Guido Contestabile (non doversi procedere per intervenuta prescrizione il Pm aveva chiesto 4 anni)
  • Franco Stumpo difeso difeso dall’avv. Antonio Romeo (assolto, il Pm aveva chiesto l’assoluzione)
  • Giovanni Vincenzo Surace difeso dall’avv. Nadia Spataro (assolto, il Pm aveva chiesto 6 anni e 6 mesi),
  • Carmelo Tallarida difeso difeso dagli avv.ti Antonino Napoli e Giuseppe Milicia (assolto, il Pm aveva chiesto 15 anni)
  • Pietro Tallarida difeso dagli avv.ti Antonino Napoli e Giuseppe Milicia (assolto, il Pm aveva chiesto 15 anni)
  • Francesco Sposato difeso dagli avvocati Guido Contestabile e Maria Rosa Crucitti (assolto, (il Pm aveva chiesto 6 anni e 6 mesi)