fbpx

Messina, la Fontana Senatoria illuminata di blu per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Fontana Senatoria viola

La Fontana Senatoria, situata in Piazza Unione Europea a Messina, viene illuminata di blu per supportare il 32esimo anniversario della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

Oggi, sabato 20 novembre, in occasione del 32esimo anniversario della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, l’Amministrazione comunale, confermando il proprio impegno a promuovere il benessere e la difesa di tutti i bambini, celebra la giornata di riflessione e di attenzione per l’affermazione dei diritti dei più piccoli, dei ragazzi e degli adolescenti illuminando di blu la Fontana Senatoria di Piazza Unione Europea. “Colorare di blu un monumento cittadino – come promosso dal Comitato Provinciale di Messina per l’UNICEF – rappresenta il nostro simbolico gesto di vicinanza e di attenzione verso tutti i bambini e gli adolescenti con l’impegno di proseguire nell’attuazione di iniziative per la loro tutela e per l’affermazione dei loro diritti fondamentali, fra cui il diritto all’istruzione, alla salute, alla socializzazione e alle attività ricreative, nonché annullare ogni forma di disparità a quei bambini che, per cause diverse e in Paesi diversi, vivono la loro infanzia in contesti più fragili, al fine di garantire a tutti i bambini e a tutti i giovani un futuro sereno, considerando anche gli effetti indiretti della pandemia sul loro benessere generale”, ha detto l’Assessore alle Politiche Sociali e alle Pari Opportunità Alessandra Calafiore. La “Giornata Mondiale dei diritti del bambino” è stata istituita il 20 novembre del 1989 con l’approvazione da parte dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Il trattato, ratificato da oltre 190 Paesi, ha riconosciuto i bambini come aventi diritti civili, sociali, politici, culturali ed economici stabilendo i principi universali a tutela dei bambini e dei ragazzi di tutto il mondo. In Italia è stato adottato con la legge n. 176 del 27 maggio 1991.