fbpx

Messina, il Colonnello Luigi Lisciandro a Palazzo Zanca per una visita di commiato

Mondello-lisciandro

Il Vice Comandante della Brigata Meccanizzata Aosta di Messina Luigi Lisciandro è stato accolto stamani a Palazzo Zanca dall’Assessore alle Forze Armate Salvatore Mondello, per una visita di commiato

Il Vice Comandante della Brigata Meccanizzata Aosta di Messina Luigi Lisciandro è stato accolto stamani a Palazzo Zanca dall’Assessore alle Forze Armate Salvatore Mondello, per una visita di commiato. “E’ stata l’occasione – ha dichiarato l’Assessore Mondello – per ripercorrere le numerose sinergie e collaborazioni, che hanno visto protagonisti il Comune e una delle Grandi Unità dell’Esercito Italiano di stanza a Messina. Non si è trattato di un semplice scambio di saluti istituzionali, ma di una vera e propria testimonianza del forte legame suggellato con il glorioso presidio militare, costantemente al fianco della città in tutte le circostanze di necessità. Spesso si è portati a pensare alla presenza militare soltanto nelle ricorrenze tipiche delle Forze Armate; l’esperienza di Assessore con specifica delega, che pochi Comuni italiani hanno avuto la sensibilità di inserire, ha invece dimostrato quanto sia importante poter contare su un Corpo organizzato ed efficiente, come nella fattispecie la Brigata Aosta. Non posso che evidenziare come il Colonnello Luigi Lisciandro sia dotato di uno spessore umano fuori dal comune e come da messinese abbia egregiamente messo a disposizione della sua città, la profonda esperienza maturata nel corso della sua prestigiosa carriera. Non si può infatti dimenticare il determinante apporto fornito in occasione della pandemia, attraverso le competenze specifiche dell’Esercito in ambito di igiene ambientale e medicina preventiva, oltre che l’impiego di strumenti e mezzi indispensabili per l’igienizzazione dei locali. All’alto Ufficiale ma soprattutto all’uomo, vanno quindi i più sentiti ringraziamenti, a nome dell’Amministrazione Comunale e della città, con l’augurio di traguardi sempre più alti”.