fbpx

Donna muore all’ospedale, “in corsia esploso il far west”: Pronto Soccorso di Palermo devastato dai parenti della 60enne

ospedale palermo distrutto

“Provocati danni per migliaia di euro”: gli operatori sanitari presenti raccontano quanto accaduto

Attimi di panico vissuti ieri al pronto soccorso del Civico di Palermo. Una 60 enne ieri sera è arrivata in codice rosso per un infarto in ospedale. I medici hanno tentato in tutti i modi di salvarla, ma la donna è morta. Come si apprende dall’Ansa, non appena gli operatori sanitari hanno comunicato la notizia del decesso, i familiari della donna sono andati su tutte le furie ed hanno devastato il pronto soccorso. “Abbiamo assistito a scene da far west – raccontano i medici e gli infermieri che erano presenti – . Hanno distrutto tutto quello che trovavano, provocando danni per migliaia di euro”. Per mettere fine alla devastazione sono intervenute diverse volanti della polizia che hanno bloccato i familiari e li hanno identificati e denunciati.

Pronto soccorso devastato: la solidarietà del Sindacto Nursind

Il sindacato degli infermieri Nursind esprime solidarietà ai lavoratori e ai pazienti dell’ospedale Civico di Palermo, dove ieri i familiari di una donna morta dopo l’arrivo al pronto soccorso hanno devastato i locali della struttura. “Una vicenda che purtroppo ricorda quanto pericoloso sia ancora lavorare la notte nei pronto soccorso – dicono dal sindacato – . Il Nursind apprezza l’impegno dell’amministrazione in questi anni per garantire la sicurezza e propone di potenziare ulteriormente le misure ad esempio garantendo il posto di polizia, che al momento è presente la mattina e il pomeriggio, anche la sera”.