fbpx

Trieste, l’appello dei portuali No Green Pass: “questo messaggio arrivi in tutte le piazze d’Italia, con proteste da Aosta alla Sicilia la nostra voce sarà più forte”

proteste trieste no green pass

Il leader dimissionario del Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste ha dato le ultime disposizioni in Piazza Unità di fronte ad circa 3 mila manifestanti: “il peso della situazione deve ricadere sulle spalle di chi, fino a ieri, ci ha detto che siamo invisibili”

“Da Aosta alla Sicilia, il nostro messaggio deve arrivare forte in tutte le piazze italiane”. E’ questo l’appello che Stefano Puzzer, ex leader del Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste, ha lanciato ai cittadini presenti oggi in Piazza Unità. Alla protesta pacifica hanno partecipato manifestanti provenienti da molte regioni, saranno loro adesso a dover guidare le proteste. “Dovete mandare questi messaggi ai vostri concittadini, dobbiamo far vedere che in tutte le piazze d’Italia il dissenso contro questo strumento è concreto. Ovunque deve esistere questa protesta, più piazze ci sono e più forte sarà il nostro peso. Tutto il peso della situazione deve ricadere sulle spalle di chi, fino a ieri, ci ha detto che siamo invisibili. Più saremo e più dovranno trattare. E trattare significa che devono togliere il Green Pass, l’obbligo vaccinale per gli operatori sanitari. Da ora noi non ci muoviamo, non arretriamo di un centimetro. Io sono vaccinato, non dovevo neanche iniziare con queste proteste, non dovrei avere nessuno scopo affinché questa proseguano”, ha concluso Puzzer.