fbpx

No Green Pass, il Sindaco Sala minacciato di decapitazione. Falcomatà: “solidarietà, no strumentalizzazioni lessicali”

Il corteo no green pass partito da piazza Fontana e passato da piazza Duomo Foto di Matteo Corner / Ansa

A causa di alcuni titoli pubblicati sui quotidiani La Verità e Il Giornale, i manifestanti hanno preso di mira il Sindaco di Milano: arrivate anche gravi minacce su email e cellulare

“Da alcune ore su Telegram si è scatenato il mondo dei No Green Pass, ci sono i miei numeri di telefono, la mia email, si parla di decapitazione: cosa devo fare? Querelerò i due giornali, poi cercherò di stare tranquillo però voglio dire a tutti non si scherza col fuoco in questo momento”. Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in un video sui social si rivolge con un avvertimento ai manifestanti No Green Pass che in queste ore lo hanno preso di mira su Telegram e annuncia querele contro i quotidiani La Verità e Il Giornale. Nel video, il primo cittadino milanese denuncia il fatto che, all’indomani di una sua partecipazione a una trasmissione La7 in cui aveva detto “la polizia che deve fare? Potrebbe fare un sola cosa, caricarli, cosa che io capisco ma il Prefetto non intende farlo”, i due giornali titolavano così: “‘La verità: Sala: la polizia carichi i No Green Pass’, Il Giornale: Sala: giusto caricare cortei No Green Pass'”.

“Totale solidarietà al collega sindaco di Milano, ha ragione Beppe Sala”, twitta il primo cittadino di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà“Non si scherza col fuoco! Non possiamo permetterci stupide speculazioni lessicali che espongono le istituzioni a gravi rischi. Inaccettabili le minacce ricevute dai No Vax”, scrive ancora il Sindaco.