fbpx

Reggio Calabria: revocata l’ordinanza che vietava l’uso dell’acqua nel Centro storico

reggio calabria dall'alto

Reggio Calabria, la nota del Comune sulla revoca dell’ordinanza che vietava l’utilizzo dell’acqua

L’ufficio stampa del Comune di Reggio Calabria attraverso una nota informa i cittadini che è stata revocata l’ordinanza che vietava l’uso dell’acqua in centro.

“Vista l’Ordinanza sindacale n. 29 dello 08.05.2018, con la quale, a seguito di nota dell’ASP Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione prot.n. 751/ Sian del 04.04.2018 che comunicava gli esiti sfavorevoli delle analisi di laboratorio dei campioni di acqua potabile prelevati da personale A.R.P.A.Cal. “in Via corso Garibaldi presso la Galleria Caminiti e in Largo Morisani al centro città e che gli stessi campioni risultavano non conformi ai sensi del D.Lgs. n.31/2001 e s.m.i. a causa della presenza oltre i limiti tabellari degli ioni Sodio, Cloruro e Ferro”, veniva ordinata l’inibizione temporanea dell’acqua al consumo alimentare nelle aree come sopra individuate e veniva, altresì, ordinato al settore “UPI Ammodernamento rete idrica, fognaria e sistemi manutentivi ed ERP”, di disporre l’adozione delle misure finalizzate al contenimento dei parametri come previsto dal D.lgs. 31/2001, la revisione dei serbatoi e le relative fonti di adduzione e la clorazione continua delle acque al serbatoio regionale denominato Trabocchetto;

Vista la nota dell’A.S.P. Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione prot. n. 1531/ Sian del 05/10/2021, acquisita al protocollo di questo Ente con n. 01847173. E del 05.10.2021,  con la quale è stato comunicato l’esito delle analisi di laboratorio dei campioni di acqua potabile prelevati da personale ARPACAL  nelle date 19.07.20021 – 20.07.2021 e 06- 08 – 10.09.2021 “in Viale Boccioni – Via Benassai -Via Cardinale Portanova – Piazza De Nava -Via Palamolla – Via Nino Bixio – Via Marsala – Via San Francesco, Largo Morisani, Via Prolungamento Aschenez, Corso Garibaldi Sede BNL – Civico 19 Via Correttori -Via Gaspare del Fosso – Via Miraglia c/o Sede Banco di Napoli” ed è stato comunicato che ” Gli esiti analitici dei campioni succitati risultano favorevoli, essendo i valori di parametro conformi ai requisiti richiesti dal D.lgs. 31/2001 e s.m.i.. Pertanto l’acqua erogata può essere destinata al consumo umano e può essere revocata l’Ordinanza citata in oggetto”;

Visto il Decreto Legislativo n° 31 del 02 febbraio 2001, recante disposizioni per l’attuazione della direttiva comunitaria 98/83/CE relativa alla qualità delle acque destinate al consumo umano;

Visto l’art. 50, c. 5, del TUEL approvato con D. Lgs. n° 2067/2000, in base al quale “in caso di emergenze sanitarie o di igiene pubblica a carattere esclusivamente locale le ordinanze contingibili e urgenti sono adottate dal Sindaco, quale rappresentante della comunità locale”;

Il SINDACO, con propria Ordinanza n.  59 DEL 08/10/2021, ORDINA la revoca dell’Ordinanza Sindacale n. 29 dell’ 08.05.2018 prot. n. 72839 del 08.05.2018″.