fbpx

Reggio Calabria, la Pineta Zerbi è l’ennesimo lavoro a metà: erbacce e incuria ‘nascoste’ agli occhi dei turisti [GALLERY]

/

La Pineta Zerbi è l’ennesimo lavoro a metà, marchio di fabbrica di Reggio Calabria: la manutenzione viene effettuata solo nella parte visibile dalla strada, in quella retrostante dominano le erbacce

Mettere una toppa, risolvere solo in parte un problema, fare un bel lavoro e lasciarlo a metà. Reggio Calabria è maestra nella gestione delle situazioni al 50%. Alla redazione di StrettoWeb sono arrivate diverse segnalazioni e lamentele riguardanti lo stato della Pineta Zerbi, uno dei primi luoghi che i turisti in arrivo dal porto cittadino, si ritrovano davanti. Una zona verde, rinnovata con la costruzione del Waterfront, nuova opera architettonica in grado di attrarre la curiosità di reggini e turisti. La parte visibile dalla strada è ben curata: l’erba è tagliata, la manutenzione effettuata e i grandi e rigogliosi alberi presenti danno un bel colpo d’occhio. Basta fare qualche metro più avanti però che lo scenario cambia completamente. Lontana dagli occhi dei turisti, che comunque possono raggiungerla facilmente facendo due passi, la situazione della parte retrostante della Pineta è decisamente diversa: erbacce e incuria la fanno da padrone. Siamo in una zona centralissima della città, il biglietto da visita per chi arriva con le navi da crociera, le proprie imbarcazioni o semplicemente con l’aliscafo. Un’area che fa da contorno alla bellezza del Waterfront e introduce al “chilometro più bello d’Italia“, non può presentarsi in questa doppia veste.