fbpx

Reggio Calabria, all’istituto comprensivo Moscato il Progetto “Train to be…cool”

Progetto “Train to be…cool”Lezioni di sicurezza ferroviariadella Polizia di Stato all’Istituto ComprensivoG. Moscato” di Reggio Calabria

Anche quest’anno è ripartita la campagna “Train to be…cool”, ilprogetto di educazione alla legalità in ambito ferroviario promossodal Ministero dell’Interno, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e la Facoltà di Medicina e Psicologia dell’Università di Roma La Sapienza.  Il progetto si propone di educare i giovani studenti al rispetto di alcune regole, in particolare al fine di evitare spiacevoli incidenti dovuti all’inosservanza di precise norme e comportamenti da tenere nelle stazioni o in prossimità di sedi ferroviarie.

Il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Calabria, anche per il nuovo anno scolastico, ha ripreso gli incontri mensili in istituti scolastici situati nei pressi di linee ferroviarie o frequentati da studenti pendolari.

Il primo incontro si è svolto lo scorso venerdì 1° ottobre con gli alunni delle classi di terza media dell’Istituto Comprensivo “G. Moscato” di Reggio Calabria, allo scopo di sensibilizzare gli studenti sui tanti rischi presenti in ambito ferroviario e sui comportamenti corretti da tenere per salvaguardare la propria ed altrui incolumità. Considerato il gran numero di giovani che utilizzano il treno per raggiungere le scuole e i dati sugli incidenti ferroviari che coinvolgono proprio gli adolescenti, gli agenti della Polfer, anche con il supporto di filmati e slide, hanno spiegato ai ragazzi quali potrebbero essere i pericoli del trasporto ferroviario ed i comportamenti da evitare assolutamente, quali l’attraversamento dei binari, il superamento della linea gialla, la salita a bordo del treno in movimento, il lancio di oggetti contro i convogli in transito. Anche grazie alla disponibilità ed alla proficua collaborazione con il Dirigente Scolastico e il corpo docenti, gli incontri proseguiranno nelle prossime settimane allo scopo di raggiungere tutti gli studenti dell’istituto.