fbpx

Mimmo Lucano dopo la condanna: “credo ancora nella giustizia” [FOTO]

/

Riace, le parole di Mimmo Lucano dopo la condanna a 13 anni e 2 mesi

Dopo ieri credo nella giustizia, non nella illegalita’ nella giustizia si’“. Lo ha detto Domenico Lucano poco prima di partecipare alla manifestazione in programma oggi a Riace in sua solidarietà, dove hanno partecipato circa 500 persone, parlando al fianco del candidato presidente della Regione Calabria Luigi de Magistris, che la sua lista sostiene. “La cosa che fa più male – ha aggiunto – e‘ pensare che le persone possano avere dei dubbi su di me. Non ho paura della pena, che tutti hanno definito abnorme e non giustificabile ma pensare che la gente possa avere dubbi su di me perché ho passato tutta la vita a rincorrere riscatti ideali, ho dato me stesso trascurando tutto, e’ stata per me come una come corsa. Questi dubbi mi fanno male nell’anima. Non ho fatto questo per un secondo fine e lo dice anche l’accusa. Non ho ammazzato nessuno. Sono orgoglioso che nel 2018 mi hanno dato il premio alla memoria di Peppino Impastato a Cinisi. Il mio comportamento come sindaco, come cittadino impegnato in un territorio difficilissimo e completamente antitetico con il messaggio culturale e politico alle mafie che e’ il vero sistema che opprime i nostri territori che non lascia spazio per il futuro, che non lascia speranze. Io mi sono speso fino in fondo. Il mio mandante e’ stato Peppe Valarioti, Peppino Impastato e Rocco Gatto. Noi vogliamo portare un messaggio di speranza per la nostra terra e di liberazione. Rifarei tutto quello che ho fatto“.