fbpx

Il motociclista Marco Melandri contro il Green Pass: “stiamo crescendo bambini razzisti, il Paese più bello del mondo gestito da persone ignobili”

marco melandri Foto di Matteo Bazzi / Ansa

“Ho una figlia e non permetterò che da ora viva da schiava di un governo”, accusa l’ex Campione del Mondo di motociclismo in un post sui social che ha generato molte reazioni

“Si, io mi schiero CONTRO il Green Pass! Non sono né a favore e né contro il Vaccino, ma contro alla dittatura che stiamo subendo! Lavorare e vivere deve essere un diritto! Sarò sicuramente etichettato come un cattivo, ma non me ne frega niente!”. Ad affermarlo con un duro post sui social l’ex Campione del mondo di motociclismo Marco Melandri. Il pilota ha pubblicato il video delle proteste contro la Certificazione Verde che in tutto il Paese hanno portato migliaia di italiani a riversarsi in piazza, schierandosi a favore dei manifestanti. “Ho una figlia e non permetterò che da ora viva da schiava di un governo, il quale su Senato.it dichiara che in uno studio su oltre 90.000 bambini non hanno riscontrato neanche un caso di trasmissione del Covid, gli stessi che poi pero li obbligano a portare le mascherine in classe! Stiamo crescendo dei bambini razzisti perché gli stiamo insegnando che chi ha il Green Pass è buono e chi non lo ha è cattivo e emarginato!”, prosegue Melandri.

Il motociclista è un personaggio molto seguito in Italia, le sue dichiarazioni controcorrente faranno sicuramente scalpore, l’ex Campione ne è consapevole. “Chi sceglie di non vaccinarsi sarà obbligato a fare un tampone ogni 48h per lavorare, ok mi sta bene! Poi pero non si trova posti dove farli! Cazzo ci vuole farlo fare rapido a tutti la mattina sul posto di lavoro? Anche i vaccinati possono ammalarsi e trasmetterlo! Pero la tv ci ha convinto che chi è vaccinato si sente un super eroe… A volte mi si avvicina gente per fare una foto e tutto fiero mi abbraccia e si toglie la mascherina… Questo mi fa davvero inc*****e! Vedere la gente per strada mi dà fiducia per il futuro del nostro paese, il più bello del mondo ma gestito da persone ignobili… (tra l’altro in parlamento il Green Pass non serve ancora). Io dico solo rispettiamo i nostri diritti e W l’ Italia, perché in giro per il mondo ci amano, e noi stiamo a guardare che ci rubano la libertà!”, conclude Melandri.