fbpx

US Open, lacrime e problemi mentali per Naomi Osaka: “sono triste, non so se giocherò ancora a tennis” [VIDEO]

Naomi Osaka torna a fare i conti con i, purtroppo, noti problemi di salute mentale: la campionessa giapponese ko agli US Open annuncia una nuova pausa dal tennis

I fantasmi tornano a bussare alla porta di Naomi Osaka. La tennista giapponese perde al terzo turno degli US Open, ultima prova Slam della stagione alla quale arrivava da campionessa uscente, eliminata dalla 18enne canadese Leylah Fernandez 5-7 / 7-6 / 6-3. Dopo la sconfitta arrivano le lacrime. “Penso che mi prenderò una pausa per un po’. Ultimamente mi sento come se quando vinco non mi sentissi felice. E poi quando perdo mi sento molto triste. Non credo che sia normale – ha dichiarato Osaka in una triste conferenza stampa – Mi sento come se fossi a questo punto in cui sto cercando di capire cosa voglio fare, e onestamente non so quando giocherò la mia prossima partita di tennis”. Una situazione che purtroppo non è nuova quando si parla della Osaka.

La numero 3 al mondo si era già ritirata durante il Roland Garros rivelando i problemi legati alla propria salute mentale: attacchi d’ansia, depressione, incapacità di sopportare la pressione delle aspettative presenti su di lei nei vari tornei. Naomi era tornata a sorridere durante le Olimpiadi di Tokyo, quando il Giappone le aveva dato la possibilità di essere l’ultima tedofora ad accendere il Braciere Olimpico. La sconfitta prematura, una delusione per l’intera nazione già sicura di una medaglia dalla favorita numero 1 per il torneo, non ha fatto altro che aumentare le difficoltà mentali della giovane tennista. Agli US Open il nuovo crollo davanti ai media: voce rotta dal pianto, l’annuncio di una nuova pausa e la volontà di stare lontana, a tempo indeterminato, dallo sport che l’ha portata in alto, ma difronte al quale oggi non si sente all’altezza.