fbpx

Serie C, Ghirelli sulla riforma del campionato: “stop a ripescaggi. Voglio torneo sostenibile e stadi a norma”

Francesco Ghirelli Foto di Massimo Percossi / Ansa

Francesco Ghirelli commenta la riforma del campionato di Serie C: il presidente della Lega Pro parla di sostenibilità e club con stadi già a norma

Voglio fare una riforma sostenibile, soprattutto dal punto di vista economico. Mi devono dire: la serie C serve o non serve? Io dico di sì, e che il nostro campionato deve servire a formare anche allenatori e dirigenti, questi ultimi capaci anche di districarsi nelle norme fiscali e previdenziali alle quali i club devono sottostare“. Si è espresso così il presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli, intervenuto alla presentazione delle nuove divise del Trastevere, parla del progetto di riforma del terzo campionato nazionale e del quadro complessivo del calcio italiano. “Bisogna assolutamente discutere di una diversa ripartizione dei fondi della legge Melandri – ha spiegato Ghirelli -. Come immagino la C che voglio? Quanti gironi? Non mi farò incastrare da livelli e numeri, piuttosto voglio sapere cosa vogliono fare, e quali proposte hanno, serie A, B e D. Io intanto il 14 porterò avanti l’idea di abolire i ripescaggi, perchè parlo di fatti e cose concreteE voglio vedere chi bluffa: in serie A c’è qualche presidente di club che pensa di esserlo anche della lega, invece dovrebbe pensare a tornare ad essere competitivo perchè adesso non lo è“.

Ghirelli ha poi chiarito la questione riguardante le normative sugli stadi che hanno costretti alcuni club neopromossi in C a giocare in casa in altre Regioni, come nel caso del Messina:per fare la C bastano posti per 1.500 spettatori, ma ci sono regole da rispettare, come quelle sugli impianti di illuminazione, o sulle strutture per ospitare chi trasmette le nostre partite, come Rai e Sky. E’ evidente che bisogna rendere tutto ciò sostenibile, e adeguare gli impianti. Io comunque vorrei dire basta alle deroghe e fare in modo di stabilire che chi sale deve già avere l’impianto pronto in casa propria“.