fbpx

Reggio Calabria, dal 2 al 4 dicembre al Palacalafiore va in scena “La Divina Commedia” [INFO UTILI]

Divina commedia catanzaro Foto di Massimiliano Natale

Reggio Calabria: sarà il colossal originale “La Divina Commedia Opera Musical” a chiudere Fatti di Musica 2021

Sarà il colossal originale “La Divina Commedia Opera Musical” a chiudere Fatti di Musica 2021, 35esima edizione dello storico Festival-Premio del Miglior Live d’Autore ideato e diretto da Ruggero Pegna, l’oscar del live che da 35 anni presenta e premia in varie sezioni alcuni dei migliori live d’autore con il Riccio d’Argento del maestro orafo calabrese Gerardo Sacco. La straordinaria Opera con musiche composte da Marco Frisina, basata sulla Divina Commedia di Dante, tornerà al Palacalafiore di Reggio Calabria dal 2 al 4 dicembre prossimi con il suo imponente allestimento, l’abile regia di Andrea Ortis, l’impareggiabile voce narrante di Giancarlo Giannini, libretto di Gianmario Pagano e Andrea Ortis, le musiche di Marco Frisina, le scenografie di Lara Carissimi e le coreografie di Massimiliano Volpini. Lighting designer è Valerio Tiberi, sound engineer Emanuele Carlucci, visual designer Virginio Levrio. A Lara Carissimi, che è pure responsabile della produzione, sarà consegnato il “Riccio d’Argento” per la “Migliore Produzione dell’Anno”. Con questa spettacolare chiusura “Fatti di Musica” omaggia l’ ”Anno dantesco 2021”. Gli spettacoli previsti, dal 2 al 4 dicembre, sono 2 al giorno: matinèe alle ore 10:00 per le scuole e serali per tutti alle ore 21:00. La prevendita dei biglietti è già aperta su www.ticketone.it e nei punti Ticketone (Reggio C. B’Art, a fianco Teatro Cilea).

“Per l’accesso al Palacalafiore – spiega Pegna – saranno applicate le misure anti contagio previste dagli appositi decreti, cioè necessità di green pass o tampone delle ultime 48 ore per spettatori da 12 anni in su, obbligo di mascherine, distanziamento, sanificazione dei servizi igienici, colonnine dotate di disinfettanti. La capienza sarà ridotta a 2500 persone a spettacolo, corrispondente a circa il 35% della capienza ufficiale, cioè dentro i parametri dell’ultimo decreto”. Ricco e prestigioso il cast, con Antonello Angiolillo (Dante), Andrea Ortis (Virgilio), Myriam Somma (Beatrice), Noemi Smorra (Francesca, Matelda), Angelo Minoli (Ulisse, Guido Guinizzelli). Ed ancora Mariacarmen Iafigliola (Pia dei Tolomei, La donna), Antonio Melissa (Ugolino, Catone), Antonio Sorrentino (Pier delle Vigne e Arnaut), Francesco Iaia (Caronte). Numeroso anche il corpo di ballo acrobatico, con capoballetto Mariacaterina Mambretti, composto da Danilo Calabrese, Fabio Cilento, Rebecca Erroi, Raffaele Iorio, Luca Ronci, Federica Montemurro, Giovanna Pagone, Giuseppe Pera, Raffaele Rizzo, Michela Tiero, Alessandro Trazzera, Alessio Urzetta. Alle percussioni Marco Molino, Giulio Costanzo, Roberto Di Marzo.

Lo spettacolare viaggio sul sentiero che attraversa i fantastici regni dell’ Inferno, del Purgatorio e del Paradiso, si ripresenta con un allestimento eccezionale che si avvale di proiezioni 3D e di un suggestivo impianto scenografico, con ben 50 tecnici, 70 scenari mozzafiato e oltre 200 costumi di scena. Lo spettacolo utilizza diversi linguaggi espressivi e asseconda l’inesauribile fantasia dantesca. Il Dante Viaggiatore diventa la proiezione fisica della voce di se stesso, nella magistrale interpretazione di Giancarlo Giannini, voce narrante dello spettacolo. Lo smarrimento nella selva diventa evocazione di una memoria; pretesto fortunato e ispirazione per il capolavoro che viene “sfogliato” in scena, come un libro animato, attraverso la magia teatrale. Dante si muove in molteplici ambienti scenici, nei quali passa da coltri infuocate e sulfuree della Città di Dite, a tempeste desolate e violente che colpiscono Francesca; da mari tempestosi e mortali, come quello di Ulisse a foreste pietrificate e mortifere, o a laghi ghiacciati, nei quali si trovano Pier delle Vigne prima ed Ugolino poi. Il viaggio non ha mai fine e il maestro Virgilio accompagna il poeta di Firenze, proteggendolo, incoraggiandolo, esortandolo nei momenti di maggior difficoltà. Gli ambienti che si susseguono si fanno sempre più tranquilli: boschi dai colori autunnali, come quelli di Pia dei Tolomei, o fiabeschi, come il giardino di Matelda. Infine, luminosi e celestiali, come quelli che attendono Dante in occasione dell’incontro con Beatrice. La fantasia di Dante è ben resa dalla visione registica di Andrea Ortis. Le emozionanti musiche orchestrali di Marco Frisina sorreggono i testi di Gianmario Pagano e dello stesso Ortis. Il tutto si svolge su un palco modulare automatico con sollevamento di piani e la presenza di elementi scenici disegnati da Lara Carissimi.

Per gli spettacoli mattutini per le scuole delle ore 10, è necessario rivolgersi alla Show Net s.r.l. (tel. 0968441888 oppure mail info@ruggeropegna.it). Il prezzo ridotto del biglietto è di euro 15.00 a studente, con gratuità per un docente accompagnatore ogni 15 studenti e per ogni disabile. E’ partita, intanto, anche la vendita dei biglietti per il grande ritorno di Notre Dame de Paris, il colossal musicale dei record, che sarà in Calabria per un’unica tappa del nuovo tour nei giorni 26, 27 e 28 maggio 2022 sempre al Palacalafiore di Reggio. Tutte le informazioni sono reperibili al numero telefonico 0968441888, ai siti www.ruggeropegna.it, www.divinacommediaopera.it, www.ndpitalia.it.