fbpx

Paralimpiadi di Tokyo, due medaglie azzurre dal ciclismo: Luca Mazzone argento nella prova in linea, bronzo per Katia Aere

Luca Mazzone Foto di Simone Ferraro / Ansa

Arrivano altre due medaglie per l’Italia alle Paralimpiadi di Tokyo: Luca Mazzone argento nella prova di ciclismo in linea, bronzo per Katia Aere

Ancora protagonista a Tokyo la Nazionale azzurra di Mario Valentini. Sul circuito del Fuji Speedway Luca Mazzone e Katia Aere regalano la quinta e la sesta medaglia all’Italia nella prima giornata dedicata alle gare in linea. Dopo aver conquistato il secondo gradino del podio nella cronometro, Luca Mazzone si ripete anche nella prova in linea (categoria H1 – H2). Per cinquantenne di Terlizzi si tratta della settima medaglia paralimpica (5 nel ciclismo e due nel nuoto). “E’ stata una gara difficile” racconta l’azzurro al termine della prova. E aggiunge: “Il percorso così duro non era così adatto alle mie caratteristiche, ma io ho dato tutto quello che avevo. Spiace non essere riuscito a riprendere il francese, ma questo avevo oggi. Una medaglia che voglio dedicare a me stesso per tutti i sacrifici che ho fatto e quello che mi sono prefissato in queste Paralimpiadi“. A prendersi la medaglia d’oro è il francese Florian Jouanny, che ha chiuso con il tempo di 1:49.36. Completa il podio lo spagnolo Sergio Munoz Garrote.

Qualche ora dopo è Katia Aere a salire sul podio, mettendo al collo un bellissimo bronzo alla sua prima esperienza paralimpica. Un debutto tanto desiderato quanto insperato: “Dico sempre che ci credo fino al giorno dopo… ma in questo momento sembra tutto ancora un sogno”, le parole a caldo dell’azzurra, che non riesce a trattenere le lacrime. E ancora: “Voglio ringraziare tutti quelli che mi hanno sostenuto e aiutato ad arrivare fin qui: lo staff della nazionale, i medici, i meccanici, i tecnici e i fisioterapisti che mi ha sopportato e supportato in questi anni. E ringrazio tutta l’Italia, perché ho sentito il loro sostegno pedalata dopo pedalata”.

Sessantasei km per due ore, ventotto minuti e 11 secondi di fatica per l’azzurra H5: “E’ come se avessi fatto 66 km di crono: non avevo scie da seguire, ho corso sempre sola. Sapevo di dover mantenere il mio ritmo perché avevo una marcia un po’ diversa rispetto alle mie avversarie, ho tenuto duro e ho raggiunto il mio obiettivo”. Un traguardo raggiunto a 50 anni appena compiuti: “L’età è solo un numero: non è mai troppo tardi per nulla, bisogna sempre credere nelle proprie possibilità e coltivarle al meglio”. Poi una dedica speciale: “Ringrazierò sempre Alex Zanardi, perché è anche merito suo se ho imparato ad amare questo sport. Questa medaglia è anche sua”.

A dominare la scena è stata la statunitense Oksana Masters, che ha coperto i 66 km previsti in 2:23:39. Medaglia d’argento per la cinese Sun Bianbian, che ha chiuso la gara in 2:26:50, a 3:11 dall’oro. Costretta al ritiro la compagna di squadra e di categoria Ana Maria Vitelaru.