fbpx

Messina, Cancelleri annuncia: “pronti 500 milioni per l’Area dello Stretto. E sul Ponte…”

Messina, Cancelleri sul Ponte: “già nel governo Conte 2 e ora nell’attuale Draghi stiamo affrontando il tema in modo serio grazie ad un progetto di fattibilita’ di 50 milioni di euro daremo la possibilità di far dire la loro a tutti i partiti, senza tifoserie. Il Parlamento dovrà esprimersi”

“La posizione dei Cinque Stelle sul Ponte dello Stretto non è cambiata”. E’ quanto ha detto il sottosegretario alle Infrastrutture, Giancarlo Cancelleri, oggi a Messina. “Già nel governo Conte 2 e ora nell’attuale Draghi stiamo affrontando il tema in modo serio – prosegue – grazie ad un progetto di fattibilità di 50 milioni di euro daremo la possibilità di far dire la loro a tutti i partiti, senza tifoserie. Il Parlamento dovrà esprimersi, nel frattempo non stiamo fermi stiamo facendo arrivare 500 milioni dal Piano nazionale di ripresa e resilienza per l’attraversamento dinamico, in parte in mano all’Autorità portuale, in parte in mano ad RFI. Sono risorse destinate al rifacimento di stazioni ferroviarie e marittime, acquisto di nuove navi elettriche e sostenibili come quelle che usano il GNL (gas naturale liquefatto); faremo un grande deposito di GNL così candiamo la Sicilia a diventare un’isola davvero naturale e verde, punto di riferimento nel meridione per deposito e stoccaggio di GNL. Infine compreremo 12 treni FrecciaRossa che potranno essere smontati per arrivare sull’isola e girare la Sicilia”. Cancelleri parla ancora dell’infrastruttura nello Stretto: “sulla soluzione del tunnel in sostituzione del Ponte spetterà ai tecnici fare le opportune valutazioni”. Infine sulla problemi di viabilità a Messina, Cancelleri si è impegnato “a risolvere il passaggio dei mezzi pesanti in pieno centro”. Cancelleri ha incontrato negli uffici dell’Autorità di Sistema Portuale dello Stretto il presidente Mario Mega e ha poi illustrato insieme con lui i numeri dello Stretto di Messina (complessivamente 11 milioni di passeggeri ogni anno; 0,8 milioni di mezzi pesanti; 1,8 milioni di veicoli leggeri) rapportati ad altre realtà italiane, mettendo in luce come l’area messinese “è un nodo strategico nel sistema Paese e nell’intero Mediterraneo dunque va valorizzata con appositi finanziamenti”.

I parlamentari 5 Stelle: “da qui riparte lo Stretto, da qui riparte Messina”

“Una rivoluzione per tutta la rete infrastrutturale dello Stretto e della Sicilia, possibile grazie alla presenza del MoVimento 5 Stelle nelle Istituzioni. Da qui riparte lo Stretto, da qui riparte Messina”. Così i parlamentari del MoVimento 5 Stelle Francesco D’Uva, Antonella Papiro, Barbara Florida, Grazia D’Angelo, i deputati dell’Ars Valentina Zafarana e Antonio De Luca e i consiglieri comunali Cristina Cannistrà, Pippo Fusco e Andrea Argento commentano lo stanziamento di circa 500 milioni di euro per il potenziamento delle infrastrutture dello Stretto di Messina. “Tali risorse – spiegano i portavoce del MoVimento – saranno utilizzate per migliorare le reti ferroviarie e potenziare l’attraversamento dinamico. Nello specifico saranno promosse diverse opere tra cui la riqualificazione del naviglio e delle stazioni ferroviarie, il rinnovo del materiale rotabile ferroviario, la transizione energetica della mobilità marittima, l’accessibilità stradale ai porti. Dopo anni di richieste dal territorio rimaste inevase, finalmente si danno risposte concrete, segnali tangibili di un’attenzione meticolosa, anche da parte dell’amministrazione centrale, per la comunità e le imprese che hanno sede e opere in queste zone”. “È dal 2014 – continuano – che lavoriamo fianco a fianco con i cittadini per evitare la dismissione del traghettamento e l’abbandono dell’attraversamento dinamico. Tali investimenti rappresentano un traguardo importante e sintetizzano la volontà politica di corroborare le infrastrutture che abbiamo e migliorarle, rendendole più efficienti e al passo con i tempi”. E concludono: “Ringraziamo il Sottosegretario Giancarlo Cancelleri che oggi, con la sua presenza a Messina, ha rimarcato quanto importante sia la sinergia dell’amministrazione centrale con i territori e il gioco di squadra su più livelli di governo. Come MoVimento 5 Stelle continuiamo a lavorare: abbiamo ancora tanti obiettivi da raggiungere nell’interesse della comunità”.