fbpx

Letojanni: controlli dei Carabinieri agli esercizi commerciali, scoperto un lavoratore in nero e altre irregolarità

Controlli CC Letojanni

I Carabinieri della Compagnia di Taormina con il supporto dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Messina e dell’ASP di Taormina, hanno eseguito alcuni controlli agli esercizi commerciali nell’area di Letojanni finalizzati ad assicurare il rispetto delle norme igienico sanitarie e della normativa sul lavoro

Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Taormina (ME) con il supporto dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Messina e dell’ASP di Taormina, hanno eseguito alcuni controlli agli esercizi commerciali nell’area di Letojanni finalizzati ad assicurare il rispetto delle norme igienico sanitarie e della normativa sul lavoro. I militari dell’Arma hanno effettuato diversi controlli ai locali pubblici di Letojanni con il personale specializzato, verificando anche la posizione lavorativa dei rispettivi dipendenti. I Carabinieri, presso un esercizio adibito alla somministrazione di cibi e bevande, hanno scoperto la presenza di un lavoratore in nero e hanno denunciato in stato di libertà il legale rappresentante per violazione della normativa relativa alla sicurezza sui luoghi di lavoro e al lavoro nero, in quanto oltre a non aver regolarizzato il lavoratore, avrebbe omesso di sottoporre i dipendenti a visita medica preventiva. Presso il medesimo esercizio sono state riscontrate anche delle gravi carenze igienico sanitarie ed il titolare è stato diffidato a procedere alla regolarizzazione nel termine di 5 giorni. Nei suoi confronti sono state elevate complessivamente sanzioni amministrative per un ammontare di circa 10.000 euro ed un’ammenda di circa 13.000 euro. Anche il titolare di un secondo esercizio pubblico, sulla scorta della verifica effettuata dai militari dell’Arma, si è reso responsabile di non aver sottoposto i propri dipendenti a visita medica preventiva e nei suoi confronti è scattata un’ammenda di oltre 6.000 euro. In caso di mancata regolarizzazione del lavoratore in nero e di mancato pagamento delle sanzioni, i titolari rischiano anche la sospensione dell’attività imprenditoriale.