fbpx

Calabria, al via la campagna di adesioni 2021 di “Ristoranti contro la Fame” [INFO e DETTAGLI]

Ristoranti Contro la Fame

Al via la campagna di adesioni 2021 di “Ristoranti contro la Fame”: anche ristoranti e pizzerie della regione potranno iscriversi

Al via la campagna adesioni 2021 di “Ristoranti contro la Fame”: si tratta di una vera e propria gara di solidarietà – con anche gli chef e i pizzaioli calabresi protagonisti – per dimostrare concretamente la volontà di rilancio del settore e per confermare l’impegno del mondo della ristorazione nella lotta contro la fame in Italia e nel mondo.

L’iniziativa, che prenderà concretamente il via il 16 ottobre, in occasione della Giornata mondiale dell’Alimentazione, è promossa da Azione contro la Fame (organizzazione umanitaria specializzata nella lotta alla fame e alla malnutrizione) con l’obiettivo di coinvolgere i ristoranti della regione in un grande gesto che mira a donare cibo alle persone più vulnerabili, in Italia e nel mondo. Il progetto, in questi anni, ha trovato ospitalità in oltre 700 attività della ristorazione italiana e ha raggiunto, complessivamente, oltre 500.000 persone. Le adesioni all’iniziativa sono aperte: gli chef, i ristoratori e i pizzaioli del territorio possono iscriversi e richiedere informazioni attraverso il sito www.ristoranticontrolafame.it.

Nel corso di questa edizione, che si concluderà il 31 dicembre, i clienti, all’interno dei ristoranti che aderiranno all’iniziativa, potranno donare due euro con l’acquisto di un “piatto solidale”, 50 centesimi scegliendo una “pizza solidale” e altrettanti consumando una bottiglia di acqua. In particolare, l’iniziativa ha trovato, quest’anno, un partner che condivide gli stessi valori e la stessa sfida di un mondo senza fame: acqua “Valverde”, che nasce ai piedi del Monte Rosa, in un territorio patrimonio dell’Unesco. Sarà sponsor dell’iniziativa e donerà un quantitativo gratuito di prodotto per l’attività di raccolta fondi. Sarà l’occasione per tornare a godere del piacere di un pranzo o di una cena in totale sicurezza, contribuendo, da un lato, al rilancio della ristorazione e, dall’altro, all’impegno per liberare il mondo dalla fame. Secondo il rapporto pubblicato dalla FAO (The State of Food Security and Nutrition), del resto, sono 811 milioni le persone che ne soffrono a causa di guerre, cambiamenti climatici e disuguaglianze.

In particolare, in Calabria, Azione contro la Fame e “Alimentiamo la Solidarietà” lavoreranno insieme per costituire un network di cuochi e ristoratori che si impegnano a promuovere il diritto al cibo nel mondo. “Alimentiamo la Solidarietà” è l’iniziativa nata, in Calabria, nell’ambito della prima fase dell’emergenza sanitaria determinata dal Covid-19. In quella occasione, con la regia dell’Unione Sportiva Vibonese Calcio, società che milita nel campionato di serie C, i più importanti chef calabresi aprirono le proprie cucine ai più bisognosi per preparare i propri piatti a chi, altrimenti, non avrebbe avuto di che mangiare. Il progetto ha fornito ad oggi alle famiglie calabresi circa più di 100.000 piatti caldi in tutte le cinque province della regione (Vibo Valentia, Catanzaro, Reggio Calabria, Catanzaro e Cosenza). L’esperienza è stata anche raccontata in un libro, edito da Rubbettino. Un libro unisce dunque tre finalità: insegna ricette buone e semplici per non buttare via niente; sostiene l’impegno di solidarietà al Banco Alimentare; alimenta una cultura contro lo spreco e contro l’esclusione sociale. Una cucina quella calabrese dall’identità forte, che esprime colori e profumi della terra e del mare nei piatti della sua tradizione gastronomica. una cucina che deriva dal mondo contadino, ma che è diventata ricca di sfumature e contrasti.

Sono diverse le attività sul campo che saranno sostenute attraverso questa edizione di “Ristoranti contro la Fame”, in particolare gli interventi in Sahel, Libano, India e, per la prima volta, in Italia: in Sahel l’organizzazione sosterrà ancora l’intelligenza artificiale per contrastare i cambiamenti climatici con un progetto innovativo che combina le immagini satellitari e i dati raccolti dai pastori per monitorare la siccità e guidare gli allevatori verso pascoli migliori; in India, Azione contro la Fame darà seguito alla realizzazione degli “orti giardino”, pensati per libere i più vulnerabili dall’insicurezza alimentare, proiettandoli verso l’autosufficienza; in Libano, il network si occuperà del sostentamento delle comunità di rifugiati con l’obiettivo di migliorare le loro condizioni socioeconomiche con l’accesso ai beni di prima necessità.

Il progetto promosso in Italia“Dall’emergenza all’autonomia”, consiste, infine, in una attività “pilota” che, in un momento di emergenza economica e sociale, mira a contrastare l’insicurezza alimentare nel nostro Paese. D’altra parte, anche in Italia, pur con forme diverse, molte persone vivono una condizione di insicurezza alimentare (5,6 milioni nel in povertà assoluta, Istat). È la ragione per cui l’organizzazione ha deciso di “importare” l’esperienza sviluppata, in oltre 40 anni di attività, sugli scenari internazionali. Il modello sul quale è basato il programma, del resto, è già stato testato in Spagna, Palestina, Georgia e in diversi paesi dell’America Latina ed ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui il Premio “RegioStar” dall’Unione Europea, come buona pratica per promuovere una crescita inclusiva.

“Come per altri settori strategici dell’economia italiana, l’impatto del Covid-19 si è fatto sentire anche nell’ambito del comparto della ristorazione – ha dichiarato Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la Fame -. Eppure, i ‘Ristoranti contro la Fame’, anche quest’anno, non si sono tirati indietro e sono ancora pronti a lavorare al nostro fianco per dare cibo a chi non ce l’ha. Gli italiani, oggi, hanno un motivo in più per pranzare o cenare al ristorante o in pizzeria: la solidarietà. Recarsi in uno dei locali aderenti diventa non solo un’opportunità per dare cibo ed alimenti terapeutici ai bambini malnutriti nel Sud mondo ma anche un modo per consentire alle famiglie più vulnerabili del nostro Paese di sconfiggere la fame”.

Per aderire o per ottenere informazioni, è possibile visitare il sito www.ristoranticontrolafame.it o scrivere all’e-mail ristoranti@azionecontrolafame.it