fbpx

Sicilia: controlli della Polizia nelle stazioni ed a bordo dei treni

polizia sul treno

Sicilia: 2 indagati, 2.730 persone controllate, 16 treni presenziati, 45 veicoli ispezionati e 160 pattuglie impegnate nei servizi di vigilanza in stazione, a bordo treno e lungo la linea ferroviaria

2 indagati, 2.730 persone controllate, 16 treni presenziati, 45 veicoli ispezionati e 160 pattuglie impegnate nei servizi di vigilanza in stazione, a bordo treno e lungo la linea ferroviaria: è questo il bilancio dell’attività di controllo nella settimana dal 23 al 29 agosto della Polizia Ferroviaria in tutta la Sicilia. In particolare, la Polfer di Agrigento, durante i controlli straordinari relativi all’ottava giornata “Stazioni Sicure”, ha fermato un 26enne italiano in arrivo presso la stazione ferroviaria agrigentina a bordo di un treno regionale proveniente dal capoluogo palermitano, che dagli accertamenti esperiti è risultato da rintracciare per la notifica di un provvedimento a seguito di una rapina, commessa a Roma ai danni di 3 persone. A Palermo, gli agenti della Polizia Ferroviaria hanno rintracciato, a bordo di un treno regionale proveniente da Agrigento, un 33enne, pregiudicato, di nazionalità tedesca, che si era allontanato dalla comunità dove era sottoposto alla misura della libertà vigilata per la durata di 6 mesi. L’uomo, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato riaffidato alla stessa comunità. Sempre a Palermo, un minore di 12 anni, tunisino, è stato rintracciato alla stazione centrale e collocato presso una comunità della provincia di Palermo. A Messina, gli operatori della Polfer hanno sanzionato per ubriachezza un 50enne italiano. L’uomo è stato fermato dai poliziotti mentre cercava di salire a bordo di una nave traghetto attraverso un’area interdetta ai viaggiatori. Nei confronti del 50enne è stato emesso un provvedimento di allontanamento per 48 ore dalla stazione e luoghi limitrofi. A Barcellona P.G. (ME) la Polizia Ferroviaria ha sanzionato amministrativamente un allevatore di 41 anni di nazionalità italiana, per la mancata custodia di un bovino che si trovava sulla sede ferrata. A Trapani, gli agenti hanno restituito ad un insegnante un personal computer che aveva dimenticato il giorno prima a bordo di un treno regionale. Dagli accertamenti effettuati dalla sala operativa compartimentale è emerso che il PC era stato preso in custodia dal capotreno dopo averlo rinvenuto sul convoglio.