fbpx

Reggio Calabria, l’appello disperato di una mamma al Sindaco Falcomatà: “a Gallico manca l’acqua da 4 giorni. Ho una bimba piccola, solleciti chi di dovere”

carenza idrica rubinetto senz'acqua

“Viviamo in situazioni impensabili per chi è incinta, per chi ha bambini, invalidi in casa”: la lettera di una cittadina rivolta al Sindaco

La situazione è disperata, tramite le nostre pagine lo scriviamo da giorni. In diverse zone della città di Reggio Calabria l’acqua non scorre dai rubinetti e la calde temperature dell’estate in riva allo Stretto rendono la vita complicatissima a chiunque. Figurarsi ad una giovane mamma che, non sapendo più a chi appellarsi, ha scelto i canali di StrettoWeb per sperare che qualcuno possa aiutarla. Di seguito riportiamo integralmente la lettera rivolta al Sindaco Giuseppe Falcomatà, affinché possa sollecitare alle parti competenti di interessarsi della problematica, aumentando i controlli dove ci sono abusi e aiutando così i cittadini onesti che in tutto questo vengono penalizzati :

“Egregio Sindaco,
Le scrive una donna in attesa e che, oltretutto, ha anche una bambina piccola.

Sono giorni, esattamente 4, che nelle abitazioni site in Gallico, alla via Marra Traversa Privata, non scorre acqua nei rubinetti, impedendo il normale svolgimento della vita quotidiana di tante famiglie.

Situazioni da terzo mondo, visto il caldo, vista l’impossibilità di provvedere all’igiene personale, di lavare i panni, situazioni impensabili per chi è incinta, per chi ha bambini, invalidi in casa…

È concepibile che i cittadini vengano sensibilizzati ad un utilizzo limitato di questo prezioso bene per consentirlo a tutti in egual modo, ma impedirne completamente la sua distribuzione a motivo dei vari abusi tipici dei mesi estivi di agricoltori e/o altri mi sembra un intervento gravoso ai danni di numerose famiglie che si trovano in non poche difficoltà.

Voglia la Sua amministrazione effettuare le opportune verifiche sulla distribuzione idrica nella zona residenziale citata e, casomai, intervenire con sollecitando Sorical o chi per loro ad aumentare la distribuzione di questo bene di cui non si può fare a meno”.