fbpx

Reggio Calabria, 23enne gambiano arrestato per stalking nei confronti di una ragazza reggina: la seguiva e contattava contro il suo volere. Tribunale dispone scarcerazione, divieto di dimora e di avvicinamento alla vittima

martelletto tribunale

Reggio Calabria: l’Avv. Giuseppe Gentile, legale del cittadino gambiano, si opponeva alla richiesta di misura cautelare  dell’Ufficio di Procura

Giorno 31.08  presso il Tribunale di Reggio Calabria – GIP Dott. Francesco Campagna-  si celebrava l’udienza di convalida dell’arresto del cittadino del Gambia D.O. classe ’98, tratto in arresto a Reggio Calabria nei giorni scorsi e detenuto presso il carcere di Arghillà, in quanto indagato per il reato di stalking aggravato nei confronti di una ragazza di Reggio Calabria nonché per lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, questi ultimi che sarebbero stati commessi al momento del suo arresto contro gli agenti. La ragazza, secondo l’impostazione accusatoria, sarebbe stata seguita più volte e contattata dal giovane gambiano in maniera reiterata, senza il suo volere.

L’Avv. Giuseppe Gentile del Foro di Reggio Calabria, legale del cittadino gambiano, si opponeva alla richiesta di misura cautelare  dell’Ufficio di Procura, chiedendo una misura meno afflittiva rispetto a quella più gravosa della  custodia cautelare in carcere.

Il Giudice convalidava l’arresto dell’indagato, confermando la gravità delle contestazioni ma, in accoglimento della richiesta della difesa,  ordinava la sua  immediata scarcerazione con l’applicazione di 3 misure : divieto di dimora a Reggio Calabria, divieto di avvicinamento alla persona offesa nonché divieto di contattare la stessa.