fbpx

Reggina-Vicenza, violazione del protocollo di accesso al Granillo: multato il club amaranto e il presidente Gallo

reggina presentazione alfredo aglietti gallo Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

La giustizia sportiva ha emesso alcune sanzioni pecuniarie nei confronti della Reggina per l’accertata violazione del protocollo di accesso allo stadio Granillo

In occasione della gara casalinga giocata dalla Reggina contro il Vicenza nello scorso campionato di Serie B, match datato 13 aprile, la Procura Federale aveva aperto un procedimento a carico della società amaranto al fine di chiarire l’eventuale violazione del protocollo riguardante l’accesso all’impianto sportivo Oreste Granillo. Lo stadio era soggetto al regime di gare a porte chiuse, dovuto alla pandemia di Covid. Attraverso il comunicato ufficiale n° 29//AA, la Figc ha messo nero su bianco alcune sanzioni riguardanti tale episodio.

Di seguito il comunicato con le decisioni della giustizia sportiva:

LUCA GALLO, Amministratore Unico e Legale Rappresentante tesserato all’epoca dei fatti per la società Reggina 1914 S.r.l., in violazione dell’art. 4, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva e delle “Indicazioni generali per la pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, Versione 3 – 24 maggio 2020 – Aggiornamento del 23 giugno 2020, per non aver provveduto a far rispettare o comunque per non aver vigilato sul rispetto delle norme sopra richiamate in materia di organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, secondo quanto indicato dall’Allegato: Serie B – pianificazione personale per zone: – per aver consentito e, comunque, non impedito che, durante la partita Reggina-Vicenza del giorno 11/04/2021, alle ore 15:00, fossero presenti nella “zona 1” 157 persone a fronte delle 144 consentite dal protocollo federale relativamente alle partite disputate “a porte chiuse” in Serie B; per aver consentito e, comunque, non impedito che, nella medesima partita fossero presenti nella “zona 2” 170 persone a fronte delle 125 consentite dal protocollo federale relativamente alle partite disputate “a porte chiuse” in Serie B; – per non aver rispettato l’obbligo del mantenimento delle distanze di sicurezza nelle panchine, effettuando le opportune operazioni per garantire la distribuzione alternata dei componenti ivi assegnati, come previsto da protocollo federale, con ciò mettendo a rischio la salute di tutti coloro i quali erano collocati nella predetta area esponendoli al rischio di contagio da Covid-19;

ORIANA CLAUDIA RUSSO, DGE tesserata all’epoca dei fatti per la società Reggina 1914 S.r.l., in violazione dell’art. 4, comma 1 del Codice di Giustizia Sportiva e delle “Indicazioni generali per la pianificazione, organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19”, Versione 3 – 24 maggio 2020 – Aggiornamento del 23 giugno 2020, per non aver provveduto a far rispettare o comunque per non aver vigilato sul rispetto delle norme sopra richiamate in materia di organizzazione e gestione delle gare di calcio professionistico in modalità “a porte chiuse”, secondo quanto indicato dall’Allegato: Serie B – pianificazione personale per zone: – per aver consentito e, comunque, non impedito che, durante la partita RegginaVicenza del giorno 11/04/2021, alle ore 15:00, fossero presenti nella “zona 1” 157 persone a fronte delle 144 consentite dal protocollo federale relativamente alle partite disputate “a porte chiuse” in Serie B; per aver consentito e, comunque, non impedito che, nella medesima partita fossero presenti nella “zona 2” 170 persone a fronte delle 125 consentite dal protocollo federale relativamente alle partite disputate “a porte chiuse” in Serie B;

rilevato che il Presidente Federale non ha formulato osservazioni in ordine all’accordo raggiunto dalle parti relativo all’applicazione della sanzione di € 1815,00 (mille ottocentoquindici) di ammenda per il Sig. Luca GALLO, di € 1815,00 (mille ottocentoquindici) di ammenda per la Sig.ra Oriana Claudia RUSSO e di € 2750,00 (duemila settecentocinquanta) di ammenda per la società REGGINA 1914 S.R.L.;