fbpx

Messa al Duomo di Reggio Calabria per il boss Giovanni Tegano, Libera: “il vescovo spieghi perché è accaduto”

zona rossa reggio calabria Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

In occasione del trigesimo della morte di Giovanni Tegano, nella cattedrale di Reggio Calabria, è stata celebrata una messa: la nota di Libera

“Nei giorni scorsi la chiesa calabrese ha dovuto prendere atto della sentenza di primo grado, nell’ambito del processo Ghota, che condanna don Pino Strangio, parroco di San Luca e già rettore del Santuario di Polsi, a più di nove anni di reclusione. In seguito alla pesante condanna, don Strangio ha presentato al vescovo Oliva le sue dimissioni da ogni ufficio pastorale, compreso quello di parroco di San Luca. Tali dimissioni, pur essendo state presentate tempestivamente, non cancellano lo sconcerto e l’amarezza per la dura sentenza, nonostante questa non sia passata ancora in giudicato, che attribuisce a don Strangio una sua responsabilità precisa ai vertici della cosiddetta ‘ndrangheta invisibile’”. E’ quanto si legge in una nota stampa dell’Associazione Libera a firma di Don Ennio Stamile (Referente Regionale) e dell’Avv. Giuseppe Marino (Referente Territoriale a Reggio Calabria). “A rafforzare questo clima di smarrimento e sfiducia – prosegue il comunicato – è la notizia che l’altro ieri, nella cattedrale di Reggio Calabria, è stata celebrata una messa per Giovanni Tegano, boss di Archi protagonista delle guerre che hanno provocato più di mille morti a Reggio tra il 1974 e il 1991, nel trigesimo della sua morte”.

Gli esponenti dell’Associazione pongono così una domanda al vescovo della diocesi Reggio Calabria – Bova, Mons. Fortunato Morrone“come Libera da sempre accompagniamo i familiari delle vittime innocenti delle mafie nella loro lunga attesa di verità e di giustizia, gli imprenditori e i commercianti che denunciano e resistono alla morsa del racket e dell’usura. Sono proprio questi a chiederci circa l’opportunità di celebrare la Messa del trigesimo di un boss in Cattedrale, anziché farlo in un’altra chiesa. Nella fiduciosa attesa che venga chiarito il perché si è voluto solennizzare la celebrazione, rimaniamo convinti che tutti abbiano il diritto di pregare per i loro defunti. Certi che il vescovo di Reggio, Mons. Fortunato Morrone, ci aiuterà a diventare cristiani credibili ed opererà per continuare a orientare il nostro cammino e quello di tutti gli uomini di buona volontà, sulla via della pace e della giustizia, contro ogni mafia e violenza”, conclude la nota.