fbpx

Messina, per tutta l’estate approderà la Msc Seashore: “è la nave più grande e tecnologicamente avanzata mai costruita in Italia”

msc seashore

Il settore turistico, in particolare quello delle crociere, ha manifestato gravi difficoltà a causa dell’emergenza Covid, ma Msc Crociere crede in breve tempo di tornare ai numeri standard

E’ arrivata oggi a Genova, e farà tappa anche al Porto di Messina, la Msc Seashore, la nuova ammiraglia e 19ª unità della flotta di Msc Crociere, la nave più grande e tecnologicamente avanzata mai costruita in Italia anche sotto il profilo ambientale. Costruita da Fincantieri e varata lo scorso 26 luglio presso i cantieri di Monfalcone, Msc Seashore ha richiesto un investimento di 1 miliardo di euro che ha generato, solo in fase di costruzione, una ricaduta sull’economia italiana superiore a 4 miliardi, oltre a un significativo impatto turistico-economico derivante dall’operatività della nave nei territori visitati dai suoi ospiti e dagli equipaggi. Come detto, dal capoluogo ligure, storico home port di Msc Crociere, la Msc Seashore salperà ogni domenica per i prossimi tre mesi, fino al termine della stagione estiva, con crociere settimanali in Mediterraneo occidentale che faranno tappa in diverse importanti città: Napoli, Messina, Malta, Barcellona e Marsiglia.

Massima attenzione da parte della compagnia è rivolta all’ambiente. Msc è impegnata da sempre infatti a costruire le navi da crociera più innovative al mondo, caratteristica si applica anche – e soprattutto – alle prestazioni ambientali. Con l’obiettivo di lungo periodo di raggiungere l’operatività delle navi a impatto zero entro il 2050, ogni nuova nave da crociera Msc rappresenta un ulteriore passo lungo questo percorso, insieme ad altri investimenti utili ad accelerare lo sviluppo delle tecnologie ambientali di prossima generazione. Msc Seashore non fa eccezione e dispone tecnologie e impianti di ultima generazione in grado di ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente. Ciò comprende sistemi ibridi di lavaggio dei gas di scarico (Egcs) e sistemi selettivi di riduzione catalitica (Scr) all’avanguardia, ottenendo una riduzione del 98% delle emissioni di ossido di zolfo (SOx) e riducendo le emissioni di ossido di azoto (NOx) del 90%. Il sistema di trattamento delle acque reflue è stato progettato in linea con la risoluzione Mepc 227(64) dell’Organizzazione Marittima Internazionale e raggiunge standard di purificazione più elevati rispetto alla maggior parte degli impianti di trattamento delle acque reflue presenti a terra.

“Quest’anno la Compagnia effettuerà solo a Genova circa 130 scali, movimentando quasi 400 mila passeggeri che stimiamo in crescita, a circa 700 mila, nel 2022 – ha detto Leonardo Massa, Country Manager di Msc Crociere – . Sono numeri incoraggianti se valutati nel contesto delle gravi difficoltà registrate dal settore turistico e paragonati al record storico di oltre 1 milione di crocieristi registrato nel 2019, in epoca pre-Covid. Dalla ripartenza delle nostre crociere, primi al mondo ad agosto del 2020, abbiamo trasportato oltre 100 mila crocieristi italiani in maniera sicura, grazie al ‘Protocollo di salute e sicurezza’ messo a punto dalla nostra Compagnia”.

msc seashore