fbpx

Calabria, “piovono in mare mascherine”: la campagna elettorale “inquinante” del leghista Battaglia

leo-battaglia-mascherine- salvini

Il gesto ha provocato l’indignazione di molti cittadini e l’attacco di Luigi de Magistris

“Guardate, un elicottero sta lanciando qualcosa”. E’ accaduto ieri ai bagnanti che hanno riempito le spiagge dell’Alto Ionio cosentino: da Trebisacce a Villapiana, ma anche a Corigliano e Rossano un elicottero ha lanciato tra mare e battigia varie buste di plastica con tanto di mascherina chirurgica e consiglio di voto per le prossime elezioni regionali per il candidato della Lega, Leo Battaglia. Il particolare gesto ha provocato la reazione di molti, in quanto molta plastica si sarà dispersa anche in acqua, addirittura qualcuno ha anche tirato fuori i paragoni con il personaggio di Cetto La Qualunque. Nel pomeriggio è arrivata poi anche la reazione di Luigi de Magistris, candidato presidente della Regione Calabria“domenica di Ferragosto, nell’Alto Jonio cosentino, un elicottero a bassa quota vola sulle spiagge e scarica in mare e in spiaggia bustine di plastica contenenti una mascherina chirurgica con la scritta ‘Lega Salvini, Leo Battaglia’ e il simbolo della Lega. Azioni ripetute a Marina di Albidona, Trebisacce, Rossano-Corigliano, Villapiana e altri comuni. Una vergogna”.

“Resto veramente perplesso nel leggere gli attacchi che mi sono stati avanzati per aver regalato delle mascherine contro il Covid ai bagnanti nel litorale dove io passo le mie vacanze estive. L’ho fatto col mio spirito di sempre e col mio carattere esuberante ma non pensavo che una tale iniziativa venisse strumentalizzata da una certa sinistra che nella vita invece di pensare alle cose serie e ai problemi reali della Calabria pensa alle stupidaggini”. E’ così che ha replicato Leo Battaglia, già abituato ad iniziative di questo tipo, come quando ha tappezzò la Calabria di manifesti con una dichiarazione d’amore verso Matteo Salvini.

“Non vi è stato alcun inquinamento – continua Battaglia – per la semplice ragione che le mascherine che non sono state raccolte dai bagnanti sono state prese da una squadra di miei amici che hanno provveduto e stanno provvedendo a raccogliere per donarle ad altre persone. Quindi non vi è nessun inquinamento. Richiamerei l’attenzione sulle tantissime buste di spazzatura che vengono buttate per le strade da incivili e nessun personaggio di sinistra dice nulla…”.