fbpx

Coronavirus, un nuovo farmaco sviluppato in Israele sta producendo ottimi risultati: “disponibile in tempi brevi e a basso costo”

farmaco Foto di Andre Coelho / Ansa

Un nuovo farmaco contro il Covid sviluppato in Israele sta ottenendo ottimi risultati: lo studio del Sourasky Medical Center di Tel Aviv

Un nuovo farmaco contro il Coronavirus sviluppato da un team del Sourasky Medical Center di Tel Aviv sta ottenendo ottimi risultati.  Il 93% dei 90 pazienti gravi affetti da Covid è stato infatti dimesso in cinque giorni e la seconda fase di sperimentazione (condotta ad Atene perché Israele non aveva abbastanza pazienti in gravi condizioni) ha così confermato le performance mostrate già durante la prima, condotta in inverno in Israele: “l’obiettivo principale di questo studio era verificare che il farmaco fosse sicuro – sono le parole di Nadir Arber, responsabile della ricerca – Fino ad oggi non abbiamo registrato alcun effetto collaterale significativo in nessun paziente di entrambi i gruppi”.

Arber e il suo team hanno sviluppato il rimedio sulla base di una molecola, chiamata CD24, che è naturalmente presente nell’organismo: “è importante ricordare che 19 pazienti su 20 di Covid-19 non hanno bisogno di alcuna terapia, ha proseguito Arber. In chi si aggrava, è stato notato che la causa principale del peggioramento è legata a un’eccessiva attivazione del sistema immunitario, nota anche come tempesta di citochine. In caso di pazienti Covid-19, il sistema inizia ad attaccare le cellule sane nei polmoni: “questo è quanto i nostri farmaci mirano a evitare”, ha detto Arber. CD24 è una proteina ancorata alla membrana delle cellule e svolge molte funzioni, inclusa la regolazione del meccanismo responsabile della tempesta di citochine. Arber ha sottolineato che il nuovo trattamento non colpisce il sistema immunitario nel suo insieme, ma mira solo a questo specifico meccanismo, aiutandolo a ritrovare il suo corretto equilibrio. “Questa è medicina di precisione – ha detto – Siamo molto felici di aver trovato uno strumento per affrontare la fisiologia della malattia”.

Il team è ora pronto per avviare l’ultima fase dello studio e il responsabile della ricerca ha per questo specificato che “per quanto promettenti possano essere i risultati delle due prime fasi di un trattamento, nessuno può essere sicuro di nulla finché i risultati non vengono confrontati con quelli dei pazienti che ricevono un placebo, ha affermato. Allo studio prenderanno parte 155 pazienti affetti da Coronavirus. A due terzi di loro verrà somministrato il farmaco e a un terzo un placebo. Lo studio sarà condotto in Israele e potrebbe essere condotto anche in altri luoghi se il numero di pazienti nel Paese non sarà sufficiente: “speriamo di completarlo entro la fine dell’anno, ha detto Arber. Se i risultati saranno confermati, ha dichiarato che il trattamento può essere reso disponibile in tempi relativamente brevi e a basso costo.