Categoria: FOTO & VIDEOFoto MessinaFoto SiciliaGalleryMESSINANEWSSICILIA

Due concerti del Conservatorio Corelli al Parco archeologico di Naxos [FOTO]

Due concerti del Conservatorio Corelli al Parco archeologico di Naxos. Sulle note di Piazzolla al via la stagione di spettacoli al Teatro della Nike

Sulle note tanguere di Astor Piazzolla e due concerti frutto della collaborazione fra il Parco archeologico Naxos Taormina e il Conservatorio Corelli di Messina, prosegue la stagione di eventi al Teatro della Nike che culminerà in settembre con le due mini rassegne di teatro del mito e cinema archeologico annunciate con il cartellone di Naxoslegge. L’appuntamento con la musica è per domenica 8 e lunedì 9, ore 21.30, con due distinti concerti a ingresso gratuito cui si accede solo con Green Pass e prenotazione all’email parco.archeo.naxos@regione.sicilia.it

Le due serate del Corelli al Parco di Naxos – nate da un protocollo d’intesa siglato dalla direttrice del Parco, Gabriella Tigano, e il presidente del Conservatorio, Giuseppe Ministeri – si intitolano “Buenos Aires Hora Cero” (Buenos Aires ora zero), sono dedicate ad Astor Piazzolla in occasione del centenario della nascita del musicista argentino (1921-1992) e coinvolgono docenti e allievi dell’istituto di Messina. “Si tratta di due diverse formazioni – spiega Ministeri – una piccola orchestra ad archi con gli studenti (Corelli String Orchestra) e un quintetto, Aires Quintet, concepito per un repertorio dedicato alle partiture di Piazzolla costituito dai professori Franco Celona (sassofono soprano), Claudio Cusmano (Chitarre), Natale Pagano (pianoforte), Giuseppe Santamaria (contrabbasso) e Ivano Biscardi (fisarmonica)”.

Proprio Biscardi, domenica 8 agosto, sarà il solista ospite della Corelli String Orchestra, formazione di tredici allievi diretti dal M° Michele Amoroso. In programma una selezione di brani del compositore argentino: Melodia en La minor, Adios Nonino, Asleep, Fuga y misterio, Oblivion, Fear, Invierno Porteno, Escualo e Libertango.

L’indomani, lunedì 9 agosto, di scena l’Aires Quintet con Rosalba Bentivoglio, apprezzata cantante jazz del panorama vocale europeo e docente di Canto jazz dello stesso Conservatorio. Il programma di sala vede i brani Michelangelo 70, Milonga del Angel, Adios Nonino, Vuelvo al Sur, Oblivion, Meditango, Por siempre Gris, Fugata, Libertango.

“Abbiamo accolto molto volentieri – commenta la direttrice Tigano – la proposta del Conservatorio Corelli di Messina, convinti che la musica, insieme al teatro del mito e al cinema d’autore che ospiteremo nell’area archeologica in settembre con NaxosLegge, siano un’occasione per offrire uno svago di qualità a residenti e turisti del comprensorio e contemporaneamente ampliare la fruizione e la conoscenza dell’antica Naxos, della sua storia e del suo museo. Una stagione di eventi al Parco, per questa estate 2021, che ha già visto con successo il concerto di Mohammed Al Sheikh, il “Pianista di Ramallah”. Sempre all’interno del parco e a Isola Bella è in corso la mostra dello scultore Umberto Mastroianni, mentre il Teatro Antico a Taormina fa da scenario alla mostra di Pietro Consagra”. Sono inquadrate poi nella cornice di NaxosLegge [31 agosto – 1 ottobre 2021], festival letterario diretto da Fulvia Toscano, le due minirassegne in programma a settembre e ospitate sempre al Teatro della Nike del Parco di Naxos.

Per “Interpretare l’antico” sono in calendario cinque drammaturgie dedicate al mito dal 31/8 al 15/9. “Agamennone” da Ghiannis Ritsos, di e con Filippo Luna, musiche in scena di Virginia Maiorana, produzione Nutrimenti Terrestri (31/8); “Persefone” con Elisa Di Dio e Simona Miraglia, regia Laura Tornambene, produzione Compagnia dell’Arpa (7/9); “Didon Now” con Elisa Di Dio, coreografia Virgilio Rattoballi, produzione Compagnia dell’Arpa (9/9); “Pentesilea vs Achille” di Francesco Randazzo con Cinzia Maccagnano, Luna Marongiu, Cristina Putignano, produzione la Bottega del Pane (12/9); “Nostòs” coreografie Silvia Giuffrè, al violino Alessandro Librio, produzione Omonia (15/9). Interpretare l’antico, con la direzione artistica di Gigi Spedale, è organizzata in collaborazione con la Rete Latitudini, Università di Messina, Cospecs DAMS ed ERSU di Messina. Biglietti in prevendita su www.liveticket.it/latitudinirete. Prenotazione obbligatoria 3479285600; ingresso con GreenPass, certificato vaccinale o tampone delle 48 ore precedenti. Info convenzioni +393483813841

Mentre la tre giorni di “Vedere l’antico” (1/2/3 settembre, ingresso libero), realizzata in collaborazione con la Rassegna del Documentario archeologico di Licodia Eubea, è dedicata a film sui beni culturali. In programma: “Eis Pegas”, (tr. Alle Sorgenti) docufilm di Andrea Giannone sul sito rupestre di Cava d’Ispica (RG), in memoria di Anna Maria Sammito, archeologa di Modica, prematuramente scomparsa in luglio (1/9 h. 21); “Sicilia Grand Tour 2.0”, docufilm di Lorenzo Daniele che sarà presente alla proiezione (2/9 h. 21); “I leoni di Lissa”, film diretto da Nicolò Bongiorno (3/9 h. 21.30).