fbpx

Catania: incendia per vendetta la baracca del cognato, ora deve rispondere di tentato omicidio

carabinieri incendio baracca

A fare luce sull’episodio sono stati i Carabinieri, che hanno acquisito un messaggio vocale della moglie del 40enne in cui si preannunciava la vendetta nei confronti del fratello per il presunto furto della batteria di una Apecar

Incendia la baracca in cui vive il cognato, marito della sorella, perché convinto di avere subito un furto ad opera di quest’ultimo che riesce però a mettersi in salvo. Accade a Catania, nel quartiere Ognina, e ora un 40enne è finito agli arresti con l’accusa di tentato omicidio e incendio colposo. L’intervento dei Vigili del fuoco ha evitato che le fiamme si propagassero all’immobile adiacente alla baracca e in cui vive la donna che aveva sposato in seconde nozze il suocero dell’autore dell’incendio, morto lo scorso anno. A fare luce sull’episodio sono stati i Carabinieri, che hanno acquisito un messaggio vocale della moglie del 40enne in cui si preannunciava la vendetta nei confronti del fratello per il presunto furto della batteria di una Apecar. Nell’abitazione del 40enne, che ora è rinchiuso nel carcere Piazza Lanza, i militari hanno scoperto una tanica con liquido infiammabile.