fbpx

Calabria, scaricavano illecitamente fanghi e reflui fognari: sequestrato un depuratore consortile a Soverato

sequestrato depuratore soverato

L’impianto era al servizio di numerosi comuni del basso jonio catanzarese

Militari delle stazioni Carabinieri Forestali del Gruppo di Catanzaro, hanno accertato che dal depuratore consortile ubicato in località Pasquali del comune di Soverato erano illecitamente scaricati reflui fognari e liquami misti a fanghi, nel fosso Petrella, affluente del torrente Beltrame.

I militari, in considerazione anche di numerosi episodi segnalati di presenza di reflui lungo le coste del mar Jonio, rilevavano che all’interno dell’alveo del torrente Beltrame vi erano acque torbide con delle chiazze miste a fango di colore scuro e maleodoranti.

Procedendo dalla foce del torrente Beltrame (tristemente noto per la tragedia del camping “Le Giare”), per circa 2 chilometri, i militari hanno riscontrato che i liquami e i fanghi provenivano dal fosso Petrella, nel cui alveo è autorizzato la scarico del depuratore consortile, sito nel comune di Soverato e che serve i comuni di Montepaone (comune capofila) di Montauro, Stalettì, Gasperina, Petrizzi e di parte del comune di Soverato.

Dal successivo accesso all’interno del depuratore, si è avuta contezza di un grave malfunzionamento dell’impianto, con ingenti quantitativi di fanghi presenti in tutto l’impianto, anche direttamente sul suolo, e che fuoriuscivano dallo scarico dell’impianto insieme alle acque reflue non depurate.

A conclusione delle attività l’impianto è stato sequestrato e il responsabile della società appaltatrice delle gestione del depuratore consortile è stato deferito all’AG, per violazione alle norme in materia ambientale e deturpamento di beni vincolati paesaggisticamente.