fbpx

Reggio Calabria, Ance e Ministero dell’interno firmano un protocollo: “contribuirà al contrasto delle infiltrazioni mafiose nell’economia”

Prefettura di Reggio Calabria Foto di Salvatore Dato / StrettoWeb

Il protocollo sottoscritto a livello nazionale per promuovere la cultura della legalità presso le imprese e potenziare il ricorso alle white list

“Accogliamo con grande entusiasmo la notizia della sottoscrizione del Protocollo tra il Ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese ed il Presidente Ance nazionale, Gabriele Buia, per rafforzare la prevenzione contro il rischio di infiltrazioni criminali lungo tutta la filiera delle costruzioni e dare supporto alle imprese e all’economia sana del Paese. ANCE Reggio Calabria è pronta a fare la propria parte per la piena attuazione sul territorio di uno strumento fondamentale di cooperazione con le istituzioni per contribuire al contrasto delle infiltrazioni mafiose nell’economia”. È quanto afferma il presidente di Ance Reggio Calabria, Michele Laganà, in relazione alla recente sottoscrizione del protocollo di legalità tra ANCE e Ministero dell’Interno volto a dare supporto alle imprese nella lotta contro le infiltrazioni malavitose nei cantieri, attraverso il potenziamento del ricorso alle white list.

Con la sottoscrizione del protocollo si compie un passo fondamentale, oltreché strategico, per assicurare che le attività economiche delle imprese edili, sia nel mercato pubblico che nel mercato privato, non vengano inquinate dalla criminalità. Il protocollo permetterà infatti di acquisire, attraverso le ANCE territoriali, la documentazione antimafia per i propri subappaltatori o fornitori operanti nei settori maggiormente esposti al rischio di infiltrazioni mafiose, tramite consultazione delle white list, ovvero dell’anagrafe antimafia ovvero della banca dati unica antimafia.

“Sul piano operativo – prosegue il presidente Laganà – , l’attuazione del protocollo vedrà il ruolo attivo della nostra associazione territoriale a supporto alle imprese associate per il contrasto del malaffare. È nostro precipuo impegno sensibilizzare la base associativa ai fini della piena adesione al protocollo, promuovendo l’adozione di regole mirate a disciplinare la scelta responsabile e consapevole dei fornitori e subappaltatori attraverso verifiche preventive svolte in sinergia con la Prefettura. Quella contro l’illegalità è una battaglia prioritaria che ANCE Reggio Calabria intende proseguire al fianco delle istituzioni e a sostegno delle nostre imprese con tutti i mezzi a disposizione. ANCE Reggio Calabria ha già da tempo allo studio, a partire dal Codice Etico rafforzato adottato all’unanimità dall’assemblea dei soci del dicembre 2019, ulteriori misure stringenti per il presidio dei cantieri onde scongiurare le infiltrazioni criminali nell’economia e favorire le denunce da parte delle imprese. Grazie al protocollo di legalità si aprono scenari importanti per il rafforzamento dell’economia sana del nostro Paese e per far sì che la grande occasione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e gli ingenti investimenti ivi previsti non vengano inquinati dalla criminalità. La nostra organizzazione, i cui riferimenti sono indicati alla fine del comunicato, è a disposizione per ogni esigenza di approfondimento”, conclude la nota.