fbpx

A Salice Calabro ritorna la Sagra della Melanzana con una parmigiana da 378 chili

/

Salice Calabro, la sagra della Melanzana si svolgerà in tre serata

Dopo lo stop forzato del 2020 a causa della pandemia Covid, ritorna la Sagra della Melanzana. L’evento, giunto alla sua trentunesima edizione, promosso e organizzato dall’ associazione Nuova Solidarietà, si svolgerà in tre serate, sabato 14 e domenica 15 agosto, le serate regine, mentre il 23 agosto la terza e ultima serata per garantire la partecipazione a quanti per ragioni di distanziamento e affluenza, e dotazione del Green Pass, ancora non hanno ottenuto il cosiddetto certificato verde per poter accedere ad eventi pubblici.

Come da oltre trent’anni a  questa parte, la Sagra della Melanzana, che si svolgerà al Parco Verde di Salice Calabro, sarà all’insegna della gioia della condivisione, per rilanciare e ribadire la centralità dell’azione associativa e aggregativa messa in campo dall’associazione nel corso delle sua missione sociale. Finalizzato al sostentamento della ‘Casa della Solidarietà Pasquale Rotatore’ – il centro di pronta accoglienza che ospita gli ultimi degli ultimi – e alla relativa ‘mensa dei poveri’, andrà in scena nell’ incantevole “teatro” del Parco Verde, un momento ludico e gastronomico, concentrato di relax e divertimento, che arriva a conclusione di un visitato di manifestazioni, di cui Nuova Solidarietà è stata inarrestabile propulsore.

Le serate anche quest’ anno saranno caratterizzate dalla preparazione della Parmigiana più grande al mondo. Guinness World Record certificato con i suoi 378 kg. In questa occasione la parmigiana sarà cucinata sul posto nella padella campione a forma di melanzana “tunisina” lunga 7, 60 mt più 1,70 mt di gambo, larga 2,16 mt, del peso di oltre 400kg, poggiata su un forno caratteristico con un coperchio di oltre 500 kg.  Il record, stabilito nel 2010, riesce a distanza di anni, a catturare l’attenzione e la curiosità di tanti turisti che hanno confermato la loro copiosa partecipazione.  Non c’è dubbio quindi, che la Sagra della Melanzana è l’unica occasione, con 800 posti a sedere (nel rispetto dei protocolli anti contagio da Covid-19 saranno garantiti distanziamento e postazioni di igienizzazione), per gustare contemporaneamente la melanzana cucinata nei più variegati e prelibati modi: pasta fresca alla Norma, arancino, parmigiana, polpetta di melanzane, melanzana grigliata e melanzana grigliata panata, un pizzico di salsiccia, pane, vino, acqua, anguria e dolce alla melanzana. E anche quest’anno è previsto un menu per celiaci (su prenotazione). Inoltre, durante il corso della Sagra, si svolgerà il concorso del ‘Miglio Piatto Franco Pirrone’, che prevedrà la gara per la realizzazione del miglior piatto a base di melanzane.