fbpx

Salernitana, in caso di mancata ammissione in Serie A si riparte dai dilettanti? E il Cosenza spera nel ripescaggio in Serie B

lotito salernitana Foto di Riccardo Antimiani / Ansa

La Salernitana rischia grosso: in caso di ulteriori problemi con il trust e mancata ammissione in Serie A il club campano ripartirebbe dai Dilettanti. E il Cosenza spera nel ripescaggio in Serie B

La situazione della Salernitana sta diventando alquanto spinosa. Il club campano è stato ceduto ad un trust, un soggetto terzo creato per ‘traghettare’ la cessione ad un nuovo acquirente. Il motivo? L’impossibilità di mantenere due proprietà nella stessa categoria: Claudio Lotito infatti è già patron della Lazio, mentre la Salernitana era gestita da due società che facevano capo al figlio di Lotito e al cognato Mezzaroma. Esaminando il trust, la Figc ha riscontrato una mancata indipendenza rispetto alla vecchia società, dando tempo fino alla giornata di ieri, sabato 3 luglio, per sistemare le criticità. Documentazione inviata per tempo dalla Salernitana che adesso attende il pronunciamento del 7 luglio. Se dovessero sorgere ulteriori problemi, la squadra campana rischia di non soltanto di iscriversi al prossimo campionato di Serie A, ma non verrebbe ammesso nemmeno in Serie B come spiega ‘La Gazzetta dello Sport’.

Cosa dice il comma 10 dell’articolo 52 (Titolo Sportivo) delle Noif

Per la Salernitana sarebbe un disastro. Il comma 10 dell’articolo 52 riguardante il “Titolo Sportivo”, spiega che in caso di non ammissione la Salernitana ripartirebbe addirittura dai Dilettanti.

“In caso di non ammissione al campionato di Serie A, Serie B e di Serie C il Presidente Federale, d’intesa con il Presidente della LND, previo parere della Commissione all’uopo istituita, potrà consentire alla città della società non ammessa di partecipare con una propria società ad un Campionato della LND, anche in soprannumero, purché la stessa società:

  1. a) adempia alle prescrizioni previste dal singolo Comitato per l’iscrizione al Campionato;
  2. b) non abbia soci e/o amministratori che abbiano ricoperto, negli ultimi 5 anni, il ruolo di socio, di amministratore e/o di dirigente con poteri di rappresentanza nell’ambito federale, in società destinatarie di provvedimenti di esclusione dal campionato di competenza o di revoca dell’affiliazione dalla FIGC.

Qualora fosse consentita la partecipazione al Campionato Interregionale o al Campionato Regionale di Eccellenza, la società dovrà versare un contributo alla FIGC nel primo caso non inferiore ad euro 300.000,00 e nel secondo caso non inferiore ad euro 100.000,00. E’ facoltà del Presidente, d’intesa con i Vice Presidenti della FIGC, con il Presidente della Lega Dilettanti e con i Presidenti delle componenti tecniche stabilire un contributo superiore al predetto minimo. La Commissione, nominata dal Presidente Federale, è formata da tre componenti, di cui due designati dal Presidente Federale e uno dalla LND. La Commissione resta in carica per un quadriennio olimpico”.

La situazione dei ripescaggi: Benevento in A, Cosenza in B

Se la Salernitana non riuscisse ad iscriversi alla prossima Serie A, nel massimo campionato italiano ci sarebbe un posto vuoto che dovrebbe essere occupato con un ripescaggio. L’articolo 49 comma 5 delle Noif spiega che: “in caso di vacanza di organico nei campionati professionistici rispetto al numero che ogni lega ha individuato (…) determinatasi all’esito delle procedure di rilascio delle Licenze Nazionali o determinatasi per revoca o decadenza dalla affiliazione o mancanza di requisiti per la partecipazione al Campionato, gli organici si integreranno attraverso la procedura di riammissione delle migliori classificate tra le società retrocesse della stessa Lega“.

In questo caso sarebbe dunque il Benevento, ultima delle retrocesse in Serie A, a venire ripescata. Dunque ci sarebbe anche un posto vuoto in Serie B. Per la stessa normativa, a essere ripescata sarebbe l’ultima retrocessa dal campionato cadetto alla Serie C, quindi il Cosenza. Reggina e Crotone potrebbero avere dunque una nuova conterranea nella stessa categoria.