fbpx

Rifiuti a Reggio Calabria, Marziale: “cosa si aspetta a dichiarare lo stato emergenziale?”

Marziale: “la questione dei rifiuti a Reggio Calabria e nell’ambito della Città Metropolitana deve necessariamente trovare una risoluzione”

“La questione dei rifiuti a Reggio Calabria e nell’ambito della Città Metropolitana deve necessariamente trovare una risoluzione”: è quanto dichiara il presidente dell’Osservatorio sui Diritti dei Minori, Antonio Marziale, già Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, che aggiunge: “Basta dare un occhio ai social per registrare decine e decine di foto inverosimili, che rappresentano uno stato di cose devastante”. Certo – prosegue il sociologo – le responsabilità sono politiche e vanno dalla stessa Reggio Calabria, al territorio metropolitano, alla Regione, ma ci sono istituzioni di controllo che ad un certo punto possono e devono intervenire, per assicurare dignità a gente che comunque paga le tasse”. “Per non parlare del pericolo a cui sono esposti i cittadini, in particolar modo i bambini e gli adolescenti che più di tutti vivono l’area urbana. Cumuli di rifiuti maleodoranti – spiega Marziale – ratti vivi e morti e blatte gigantesche non possono fare da corollario ad un centro storico mozzafiato per le sue bellezze, perché il chilometro più bello d’Italia è solo uno dei 293 chilometri quadrati in cui vivono oltre 173 mila abitanti”. “Cosa si aspetta a dichiarare lo stato di emergenza? Perché per Napoli si è sollevato un polverone nazionale e per Reggio Calabria no? Costa fatica sedersi intorno ad un tavolo, maggioranza ed opposizione, e trovare una soluzione immediata, anche recandosi tutti insieme a Palazzo Chigi per rappresentare i problemi? La salute della gente – conclude il presidente dell’Osservatorio – vale meno che altrove?”.