fbpx

Reggio Calabria, Pensando Meridiano e PMopenlab ricevuti in Commissione. Malara: “sostenere l’operato dei giovani che hanno scelto di restare”

Reggio Calabria: il Presidente Malara ha sottolineato l’importanza di sostenere l’imprenditoria giovanile nelle regioni del Mezzogiorno

La settima Commissione comunale istruzione, formazione, lavoro, sport, giovani e tempo libero, presieduta dal consigliere Marcantonino Malara, ha ricevuto gli architetti Giuseppe Mangano e Andrea Procopio, rispettivamente presidente dell’associazione “Pensando Meridiano” ed amministratore della start up PMopenlab, di ritorno da un’esperienza positiva in palcoscenici fra i più importanti d’Italia. “È stato un momento di approfondimento e crescita per ognuno dei Commissari”, ha sostenuto Antonino Malara che ha elogiato “il lavoro e l’operato di chi, dopo essersi formato, ha scelto di restare, crescere ed investire nel nostro territorio diventando punto di riferimento nell’intero Paese”. “Pensando Meridiano – ha spiegato – nata nel 2013, si è da subito distinta nel panorama cittadino per intraprendenza, dinamicità e qualità delle attività svolte, riuscendo ad avviare una start up che attraverso il lavoro formativo portato avanti dall’associazione, offre opportunità lavorative a diversi giovani reggini. Oltre 42 giovani under 35 coinvolti in 85 progetti di innovazione realizzati da PMopenlab, che hanno prodotto più di 90 video, ben 53 piattaforme web, 27 report tecnici, qualcosa come 25 mila ore di stampa 3D, finanziando 20 percorsi di formazione. Insomma, un’eccellenza del nostro territorio che, come Commissione abbiamo voluto incontrare, ascoltare ed approfondire”. “È un’esperienza esaltante – ha concluso il presidente Malara – da tenere in forte considerazione perché è nata nel nostro territorio e qui ha deciso di crescere e investire nel settore della ricerca e della competitività. Proprio il Sud è l’obiettivo sul quale hanno puntato per costruire opportunità, crescita, economia ed una fucina di talenti, di cui Reggio non può fare a meno. I giovani sono il presente sul quale costruire le fondamenta per un futuro di riscatto ed emancipazione sociale”.