fbpx

Reggio Calabria, l’amministrazione comunale incontra i Comitati di quartiere: “confronto costruttivo per il bene della città”

Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Reggio Calabria: l’amministrazione comunale incontra i Comitati di quartiere. Perna, Marra e Malara: “la partecipazione stigma del nostro mandato. Confronto costruttivo per il bene della città”

Nella giornata di ieri, lo splendido scenario del “Parco Ecolandia” ha ospitato il secondo incontro del tavolo di confronto fra l’Amministrazione comunale ed i rappresentati dei vari Comitati di Quartiere cittadini. Il presidente del consiglio Enzo Marra, insieme al vicesindaco Tonino Perna ed al consigliere delegato al Decentramento Antonino Malara, hanno così raccolto le istanze provenienti dai territori e rappresentato le attività che l’esecutivo di Palazzo San Giorgio sta portando avanti rione per rione. “Un momento di sana partecipazione”, lo hanno definito Marra, Perna e Malara che “conferma la bontà di una platea propositiva e collaborativa raccolta  nell’iniziativa di Arghillà”. “Una delle prerogative del nostro mandato – hanno spiegato – è proprio quella di mantenere un rapporto vivo, costruttivo e costante con i quartieri. Questa attività ci esalta e offre il senso compiuto del lavoro che ci vede impegnati, ogni giorno, fra i banchi di Palazzo San Giorgio e le strade della nostra città”. Dunque, si sta portando avanti ciò che “è uno stigma nelle nostre linee programmatiche”. “Il faccia a faccia con la gente – hanno detto – è uno stimolo a fare sempre di più e meglio”. La soddisfazione maggiore – hanno continuato Perna, Marra e Malara – sta nel pieno riconoscimento dei nostri sforzi emerso da un dibattito ricco di spunti e di idee destinate a efficientare la macchina organizzativa dell’amministrazione sui territori”. Il tavolo di confronto con i Comitati di Quartiere è stato aggiornato e tornerà a riunirsi prossimamente. “Nel frattempo – hanno concluso – continueremo a raccogliere proposte e ad operare secondo un metodo che premia il protagonismo e l’attivismo nei diversi quartieri di Reggio Calabria”.