fbpx

Raccolta differenziata in Calabria, la speciale classifica: quali sono i prodotti più difficili da smaltire e quali i cittadini migliori: “comandano” Caulonia, Roccella e Gioiosa

raccolta differenziata

Save The Green, il progetto di Domopak Spazzy e Junker: ecco la classifica calabrese dei prodotti più difficili da smaltire nella raccolta differenziata e dei cittadini che la fanno meglio. I cittadini calabresi che si sono distinti nel fare la raccolta differenziata sono gli abitanti dei Comuni di Caulonia, Roccella Ionica, Gioiosa Ionica, Ferruzzano e Stefanaconi che si classificano rispettivamente dal primo al quinto posto nella regione

Sono molti i prodotti per i quali i calabresi riscontrano una maggiore difficoltà nel corretto smaltimento nei bidoni della raccolta differenziata: per comodità possiamo analizzarli distinti in due categorie, i prodotti a marca (cioè quelli dotati di codice a barre) e quelli generici. In Calabria, tra i prodotti a marca che risultano difficili da smaltire, ci sono:

  1. sacchetti dei biscotti
  2. pacchi di pasta
  3. sacchetti del caffè
  4. cartoni del latte e le bustine di lievito

La difficoltà è dovuta al fatto che questi prodotti hanno imballaggi complessi, essendo spesso dei poliaccoppiati, e variano da produttore a produttore, creando molti dubbi ai cittadini. Nella regione i prodotti generici che riscontrano più difficoltà di smaltimento sono

  1. abiti usati
  2. imballaggi in polistirolo
  3. tovaglioli e scottex

A ruota seguono i gusci dei molluschi, i blister dei farmaci, la carta forno, sia sporca che pulita, gli accendini, il cartone della pizza, le lampadine, gli imballaggi in alluminio, l’acetone, i bicchieri rotti, i tappi di sughero.

Sono questi i primi dati che emergono da Save The Green, il progetto di Domopak Spazzy, azienda da sempre attenta ai principi di economia circolare, nato per sensibilizzare il consumatore su tematiche relative al riciclo e aumentare la buona pratica della raccolta differenziata. L’iniziativa vede la collaborazione di Junker, app che aiuta i cittadini a differenziare in maniera semplice, veloce e senza errori. Basta inquadrare il codice a barre dell’imballaggio o, se non presente, scattare una foto, per sapere in tempo reale di quali materiali è composto e come va conferito. Il progetto Save The Green vuole aiutare gli Italiani a fare la raccolta differenziata rendendo ancora più accessibile l’utilizzo di Junker grazie ad un QR Code, presente sul pack dei prodotti Domopak Spazzy, che permetterà di collegarsi alla landing page del progetto da cui scaricare l’App. Il progetto Save The Green indica inoltre una rivincita dei piccoli Comuni che fino ad oggi hanno mostrato un’attenzione per la raccolta differenziata molto più alta rispetto alle città. I cittadini calabresi che da marzo 2021, data di inizio del progetto, si sono distinti nel fare in modo corretto la raccolta differenziata, utilizzando l’App Junker, sono gli abitanti dei seguenti Comuni:

  1. Caulonia (RC)
  2. Roccella Ionica (RC)
  3. Gioiosa Ionica (RC)
  4. Ferruzzano (RC)
  5. Stefanaconi (VV)

La classifica è stata stilata in base alle scansioni effettuate per numero di abitanti: A Caulonia, circa 6.959 abitanti, sono state effettuate 3.579 scansioni di prodotti. A Roccella Ionica, 6.295 residenti, 1.307 sono le scansioni. Gioiosa Ionica, con 6.935 residenti, ha evidenziato 1.265 scansioni. A Ferruzzano, 751 abitanti, sono 73 le scansioni fatte. Infine a Stefanoconi in cui risiedono 2.394 persone sono 206 le scansioni effettuate.

Save The Green, grazie alla collaborazione con Junker e ai cittadini che utilizzeranno maggiormente l’App per smaltire i propri rifiuti, identificherà il Comune italiano in cui sono state fatte più ricerche per differenziare bene i prodotti di consumo. Tutti i Comuni avranno la stessa possibilità di distinguersi come “più virtuoso” perché il progetto è pensato sia per le piccole comunità che per le grandi città. Infatti, sarà determinante il numero di scansioni per abitante. Il Comune più virtuoso riceverà da Save The Green di Domopak Spazzy un contributo per la riqualificazione di un’area verde individuata dal Comune stesso. L’attività di pulizia e ripristino sarà assegnata ad un’associazione o ad una onlus del territorio. L’iniziativa sarà attiva fino al 30 novembre 2021. Per conoscere tutti i dettagli di Save The Green basta visitare il sito di Domopak Spazzy contribuendo, in questo modo, ad uno smaltimento rifiuti più corretto, riducendo l’impatto ambientale.