fbpx

Luis Enrique, che signore: “è stata una partita bestiale, uno spettacolo incredibile e di altissimo livello. Adesso tiferò Italia in finale”

Luis Enrique Foto di Facundo Arrizabalaga / Ansa

L’allenatore della Spagna Luis Enrique dopo l’eliminazione rimediata ai rigori commenta la partita e confessa di tifare per l’Italia nella finale in programma per Domenica sera a Londra

Sono felice per quello che ho visto ho goduto di una partita di altissimo livello, penso che sia stato uno spettacolo incredibile per i tifosi, quindi non ho alcun rimpianto, ognuno fa il proprio mestiere“. Così Luis Enrique, dai microfoni di RaiSport, commenta la semifinale andata male contro l’Italia. “E’ stata una partita con una intensità bestiale – dice ancora il ct della Spagna -, cercavamo entrambe di pressare alto, due macchine una di fronte all’altra, e penso che sia una delle migliori partite che si sono viste in questo Europeo“. Come mai all’inizio ha schierato una formazione senza una prima punta di ruolo? “Ho visto Chiellini e Bonucci con Lukaku – risponde – e ho pensato che fosse meglio togliere loro un punto di riferimento per avere un uomo in più in centrocampo“. E per la finale? “Mi dispiace per l’Inghilterra, ma ora tiferò per l’Italia“. “Sono stanco e non so perchè i miei piangono – ha poi detto ‘Lucho’ rivolgendosi ai media del suo paese -, nel calcio ci sono le vittorie e le sconfitte. Capisco che i giocatori ora stiano male, però bisogna imparare a gestire le sconfitte. La nostra rivale ha vinto, e bisogna insegnare ai bambini piccoli che quando si perde non devi piangere, ma devi alzarti e andare avanti“. “Penso che tutti debbano essere orgogliosi di questa nazionale spagnola – aggiunge -. Io ho visto tante cose positive, e giocatori giovani che hanno ancora tantissime cose da dare“.