fbpx

Tragedia sfiorata a Locri, ambulanza interviene dopo 40 minuti per salvare un uomo. Il Sindaco Calabrese: “grazie ai soccorritori, ma il sistema sanitario è alla deriva”

ambulanza soccorritori 118 Foto d'archivio

Gli uomini del 118 hanno svolto un intervento complicato, riuscendo dopo un’ora a strappare dalla morte un uomo. Il Sindaco Calabrese però critica la gestione della sanità da parte dei Commissari

“Anche se il 118 è arrivato dopo 40 minuti dobbiamo dire grazie agli operatori sanitari intervenuti per aver provato in tutti i modi e con grande impegno a salvare la vita allo sfortunato locrese Mimmo Larosa colpito, probabilmente, da un infarto fulminante mentre, in bicicletta, transitava davanti alla Scuola Elementare De Amicis”. E’ quanto afferma in un post pubblicato sui social il Sindaco Giovanni Calabrese. Il primo cittadino di Locri si complimenta con gli operatori del 118 che sono riusciti a salvare la vita ad un uomo, ma il tempo impiegato per arrivare sul posto poteva rendere vano ogni loro sforzo. “Tante persone presenti hanno visto ed apprezzato l’impegno di operatori del 118 come Gabriella Reale e dei suoi colleghi che, per oltre un’ora, hanno fatto l’impossibile per cercare di salvare la vita al povero Mimmo. La colpa del ritardo dell’arrivo dell’ambulanza non va addebitata al personale sanitario che opera in condizioni di estremo disagio, ma all’organizzazione di un sistema sanitario calabrese ormai alla deriva”, prosegue Calabrese. Insomma, un grande applauso per i soccorritori, ma le solite critiche ad un sistema sanitario completamente in ginocchio, nonostante un commissariamento lungo ormai 11 anni. “Un abbraccio a Maria Teresa e Rosanna e a tutti i familiari di Mimmo e un grazie sincero agli operatori del 118 sempre impegnati con serietà, professionalità e passione ad affrontare le emergenze sanitarie nel nostro territorio”, conclude il Sindaco.