fbpx

Green pass, Banchieri (Fiepet): “non capiamo come si potrebbe applicare, con questo governo non c’è interlocuzione”

green pass Foto Ansa

Green pass, Banchieri (Fiepet): “troppa confusione, non capiamo neanche come si potrebbe applicare. Chi e come controlla? Può avere un senso più avanti ma non adesso. Con questo governo non c’è interlocuzione, le decisioni le apprendiamo dai giornali”

Giancarlo Banchieri, presidente di Fiepet Confesercenti (Associazione dei Pubblici Esercizi) è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Cosa succede in città” condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus.

Sul Green pass. “Non capiamo bene neanche come si potrebbe applicare questa misura, chi e come e controlla, noi non siamo ufficiali di pubblica sicurezza e si rischiano code e assembramenti per controllare nei locali grandi. Ci sono moltissimi locali pubblici che sono solo al chiuso, senza dehors, per queste persone di colpo si dimezzerebbe la potenziale clientela. Ma poi anche con situazioni assurde, perché una famiglia ha due ragazzini di 16-18 anni non ancora vaccinati devono spendere i soldi per due tamponi. E’ tutto troppo confuso. Ricordiamo che veniamo da un anno e mezzo in cui di sacrifici ne abbiamo fatti davvero tanti. Col governo precedente un’interlocuzione era in piedi, con questo governo invece non c’è alcuna interlocuzione, le decisioni le leggiamo sui giornali. Il green pass, quando magari ci sarà una copertura vaccinale maggiore, può avere anche un senso, ma metterlo oggi diventerebbe fortemente penalizzante per il nostro settore. Se l’obiettivo è far vaccinare io non credo che questo sia il metodo più giusto almeno nei nostri confronti”.