fbpx

Etna, eruzione fortissima nella notte dell’Italia: boati e tremori in Sicilia, paura a Catania – LIVE

  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
    Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
  • Foto di Renzo Pellicano
    Foto di Renzo Pellicano
  • Foto di Renzo Pellicano
    Foto di Renzo Pellicano
  • Foto di Renzo Pellicano
    Foto di Renzo Pellicano
  • Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
    Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
  • Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
    Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
  • Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
    Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
  • Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
    Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
  • Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
    Foto di Peppe Caridi - © StrettoWeb
  • Foto di Renzo Pellicano
    Foto di Renzo Pellicano
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
  • Foto Instagram
    Foto Instagram
/

Etna, forte eruzione nella notte durante i festeggiamenti per l’Italia in finale agli Europei: a Catania è come un terremoto costante e continuo, piovono pietre nere nel capoluogo etneo

Una forte eruzione dell’Etna sta accompagnando nella notte i festeggiamenti per l’Italia in finale agli Europei di calcio: il vulcano ha iniziato un nuovo forte parossismo proprio pochi minuti dopo il rigore decisivo siglato da Jorginho, che ha scatenato la grande festa. Il parossismo è diventato via via sempre più impetuoso, con fontane di lava alte più di 600 metri e un’enorme colonna di fumi e ceneri che ha superato gli 8km di altitudine nell’atmosfera. Il vento ha trasportato la nube eruttiva verso Catania, dove nella notte è iniziata una fitta pioggia di cenere e lapilli che ha costretto migliaia di persone, in festa per i successi regalati dalla Nazionale, a rincasare o ripararsi sotto i balconi. Episodi a cui i catanesi sono comunque abituati nella loro storica convivenza con il vulcano. Fanno paura i boati e i tremori del suolo, provocati dalle vibrazioni del vulcano in eruzione. Il parossismo in atto è l’ennesimo di una lunga serie iniziata nei mesi scorsi, e non desta alcuna preoccupazione per la popolazione residente intorno al vulcano siciliano.