Categoria: CALABRIAEDITORIALINEWSREGGIO CALABRIA

Dramma incendi a Reggio Calabria, il Sindaco Falcomatà chiede lo stato di calamità. L’invito ai cittadini: “allontanarsi dalle abitazioni in zone colpite”

Falcomatà chiede di fare attenzione e si rivolge ai cittadini: “Ho chiesto alla Prefettura di aprire un tavolo per monitorare costantemente la situazione e verificare anche i danni che stanno registrando”

“Sono ore drammatiche per la nostra città. Da ieri decine di incendi hanno colpito le zone collinari, in alcuni casi arrivando fino alle abitazioni. Da stamattina siamo in giro a verificare la situazione e a dare un po’ di conforto ai cittadini. Ci sono zone tra Trunca, Oliveto e Santa Venere dove sono andate a fuoco intere colline. Stessa cosa tra Ortì e Terreti, ed ora è minacciata anche la zona di Vito e Pentimele. Incendi che in molti casi appaiono di origine dolosa e che si propagano per il forte caldo di questi giorni, arrivando a pochi metri dalle case, uccidendo animali e distruggendo ettari di verde. È un disastro”. E’ quanto scrive sui social il Sindaco di Reggio Calabria, Giuseppe Falcomatà. La città calabrese dello Stretto sta vivendo da due giorni una situazione grave a causa del caldo afoso e degli incendi che continuano a nascere sulle colline da nord a sud.

“Voglio ringraziare la Prefettura, le forze dell’ordine, tutte le squadre dei vigili del fuoco che lavorano ininterrottamente da giorni, i volontari della Protezione Civile, i lavoratori di Calabria Verde e tutti i cittadini che stanno dando una mano. Prego tutti i cittadini di fare molta attenzione, di evitare le zone colpite dagli incendi perché le fiamme possono essere imprevedibili e di allontanarsi dalle abitazioni se avvolte dal fumo. Ho chiesto alla Prefettura di aprire un tavolo per monitorare costantemente la situazione e verificare anche i danni che stanno registrando, la prima riunione sarà tra qualche minuto. Chiederemo lo stato di calamità, perché lo Stato risarcisca chi nel fuoco ha perso interi uliveti e frutteti”, conclude la nota.