fbpx

Bocciato il ricorso del Chievo Verona, in Serie B ci va il Cosenza: sarebbe irregolare la domanda d’iscrizione dell’Fc Messina alla C

Luca Campedelli Foto di Simone Arveda / Ansa

Il Collegio di Garanzia del Coni boccia il ricorso del Chievo Verona: il Cosenza viene ripescato in Serie B. Sarebbe irregolare la domanda d’iscrizione dell’Fc Messina in Serie C

Sono state ore di grande attesa quelle del pomeriggio di oggi, lunedì 26 luglio, data in cui si è riunito il Collegio di Garanzia del Coni. L’argomento principale all’ordine del giorno era l’esclusione del Chievo Verona dal prossimo campionato di Serie B per inadempienze economiche, oltre all’esclusione da quello di Serie C di Novara, Carpi, Casertana, Sambenedettese e Paganese. Esclusioni in grado di ridisegnare le serie inferiori con eventuali ripescaggi: situazione tenuta d’occhio in particolar modo dal Cosenza, squadra designata all’eventuale ritorno in Serie B in caso di esclusione degli scaligeri.

Il Collegio si è riunito alle 16:00, la decisione è stata comunicata in serata: il Chievo Verona non è stato ammesso alla prossima Serie B, bocciato il ricorso. Stessa sorte, in Serie C, per tutte le squadre sopracitate tranne la Paganese. Adesso è tempo di ripescaggi. In Serie B sarà riammesso il Cosenza, mentre in C Latina, Lucchese, Fidelis Andria, Fano o Pistoiese (da valutare la regolarità della domanda del Fano) e Rimini. Da sostituire anche il Gozzano che ha rinunciato alla C: non sarebbe regolare la domanda d’iscrizione dell’Fc Messina, così quel posto andrà al Picerno, secondo quanto riporta ‘La Gazzetta dello Sport’. Le società bocciate potrebbero fare ricorso al Tar (ma in caso estremo potrebbero essere riammesse in sovrannumero), in ogni caso potranno ripartire dalla D.