fbpx

Reggio Calabria: la cassazione annulla la condanna per Zappalà, Pelle e Mesiani Mazzacuva

La Corte di Cassazione ha annullato la sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria l’11 luglio del 2018, che aveva condannato Pelle Antonio, Mesiani Mazzacuva Giuseppe e Santi Zappalà per il reato di scambio elettorale politico-mafioso

La Corte di Cassazione ha annullato la sentenza emessa dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria l’11 luglio del 2018, che aveva condannato Pelle Antonio cl. 86, Mesiani Mazzacuva Giuseppe e Santi Zappalà per il reato di scambio elettorale politico-mafioso (416ter c.p.). Si tratta, evidentemente, di una annosa vicenda che si trascina sin dal 2010 e che ora spetterà alla Corte di Appello di Reggio Calabria definire. Il collegio difensivo, composto dall’avv. Luca Cianferoni per Pelle, dall’Avv. Emanuele Genovese per Mesiani Mazzacuva e dagli avvocati Domenico Alvaro ed Andrea Alvaro per Zappalà, ha espresso legittima soddisfazione per la decisione della Suprema Corte.